Ecco spuntare il “signor Stefano”. Colpo di scena al processo sul camionista alcamese sbranato dai cani a Livorno

Pubblicato: domenica, 30 novembre 2014
Vota l\'articolo
4
Vota l\'articolo
5

cani-uomo-uccisoLa tragedia del camionista alcamese Vito Guastella, sbranato da cani nei pressi di Livorno, si arricchisce di un colpo di scena, uscito fuori dalla deposizione del teste Calandrino, che è colui che aveva trovato il corpo del Guastella. Durante le domande postigli dall’Avvocato Bonomo, difensore dell’amministratore della Ditta DI Leo, Giuseppe Di Leo, il teste ha portato a conoscenza dei giudici che non era stato il primo a vedere il corpo privo di vita del Guastella, ma prima di lui un'altra persona, il “signor Stefano”, si era accorto dell’accaduto. Quest’ultimo avrebbe avvertito Calandrino e se ne sarebbe andato subito dopo aver agganciato il proprio rimorchio, ancora presente nello spiazzale.

Il “processo Guastella” sembra tener in serbo tante altri colpi di scena.

Letto 5996 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>