Movida alcamese sotto controllo dalle forze dell’ordine. Situazione sempre più regolare

Pubblicato: mercoledì, 26 novembre 2014
Vota l\'articolo
6
Vota l\'articolo
0

movidaALCAMO. Con l’autunno di quest'anno, ad Alcamo, è arrivata una maggiore consapevolezza per le regole e il rispetto della propria città, in particolare per ciò che riguarda la movida del centro storico. Sebbene alcune frizioni iniziali, adesso, binari separati, sembrano finalmente ricongiungersi. Grazie all'impegno degli attenti gestori di esercizi commerciali, dei giovani, delle forze dell'ordine ed in alcuni casi dell'amministrazione comunale, sembra che "l'anarchia" delle notti pazze nel centro storico si vada via via regolarizzando, risultando migliore sia per i giovani che per i tanti cittadini che affollano le più belle vie del centro storico di Alcamo.

Il bilancio dello scorso week-end dei controlli effettuati dai Carabinieri della Compagnia di Alcamo ha interessato con maggiore enfasi il contrasto al fenomeno dello spaccio e dell’uso di sostanze stupefacenti, oltre che ai controlli alla circolazione stradale, ai pubblici esercizi per la verifica del rispetto delle norme in materia di vendita di alcolici, orari di apertura ed emissioni sonore, nonché i pattugliamenti nel centro urbano e nelle aree periferiche per la prevenzione ed il contrasto dei reati.

Durante i controlli dello scorso week-end, effettuati dai militari, sono stati denunciati per guida in stato di ebbrezza due giovani alcamesi: B.L., alcamese classe 1991, e G.S., alcamese classe 1991. Altri due giovani invece sono stati denunciati per guida senza patente: A. F. N., rumeno classe 1989, D.B.G., alcamese classe 1989. Infine, cinque ragazzi, sono stati segnalati alla Prefettura di Trapani quali assuntori di droghe, in quanto trovati in possesso a seguito di perquisizioni personali e veicolari, con l’ausilio dei cani antidroga, complessivamente di dodici grammi circa di “marijuana” ed di tre grammi circa di “cocaina”, che venivano sottoposti a sequestro.

I Carabinieri di Alcamo, insieme alle altre forze dell’ordine locali, da mesi sono in prima linea per la prevenzione delle cosiddette “stragi del sabato sera” che di frequente spezzano le vite di tantissimi giovani e delle loro famiglie. Nei prossimi giorni i controlli , da parte dei militari, continueranno attraverso la predisposizione di ulteriori servizi con reparti speciali dell’Arma onde poter effettuare mirati controlli anche volti a verificare l’applicazione della normativa di settore in materia amministrativa e di sanità.

Letto 1729 volte.
1 Commento
Dì la tua
  1. AVVOCATO ALCAMESE SOTTO PROCESSO. CALPESTA LA LEGALITÀ IN CAMBIO DI DENARO. MAURIZIO LO PRESTI RISCHIA LA GALERA.

    A Trapani un avvocato di Alcamo è sotto processo per tentata estorsione e rischia oltre che la condanna anche la cancellazione dall’albo. Per lui è stata chiesta dal Pm Andrea Norzì una condanna a quattro anni e sei mesi di reclusione. Si tratta dell’avvocato Maurizio Lo Presti, finito sotto processo dopo la denuncia di due suoi ex clienti, Vincenzo Ferrantelli e Gaetano Santangelo. Si tratta di due dei condannati per la strage di Alcamo Marina, poi assolti, dopo 30 anni, grazie ad un processo di revisione, da tutte le accuse. Hanno denunciato di avere subito pressioni dal loro difensore affinché sottoscrivessero un contratto che prevedeva una quota della misura del 30% della somma che sarebbe stata liquidata all’esito della sentenza e il pagamento di un milione di euro in caso di recesso. Per gli inquirenti il legale avrebbe minacciato di non presentarsi in aula, nell’udienza finale, con gravi ripercussioni per i suoi assistiti che da oltre 30 anni attendevano la revisione. Ferrantelli e Santangelo non avrebbero ceduto alle pressioni decidendo di affidarsi alla fine all’avv. Baldassare Lauria, che aveva già assistito un loro coimputato, Giuseppe Gulotta. La sentenza è prevista per il 2 dicembre.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>