Piromani incendiano gli alberelli piantumati dalla cittadinanza dopo un terribile incendio. I cittadini di Alcamo: “Pronti a ripiantarli”

Pubblicato: lunedì, 13 ottobre 2014
Vota l\'articolo
4
Vota l\'articolo
0

montagna incendio 13 ottobre 2014 3ALCAMO. Ancora un altro incendio ha danneggiato un'area del Monte Bonifato di Alcamo. Il fattaccio è accaduto oggi pomeriggio, approfittando di un anomalo caldo ottobrino e di un leggero venticello di scirocco, ad opera di alcuni piromani. Nell'incendio sono andati distrutti quasi duemila alberelli, piantumati l'anno scorso a distanza di un anno dall'altro terribile incendio doloso avvenuto il 29 settembre del 2012, oltre che un paio di ettari di macchia mediterranea. Tanta è la rabbia per quegli alberelli andati perduti, simbolo di speranza e di rifiuto verso coloro che fanno del male al proprio territorio.L'anno scorso sono stati gli stessi cittadini che, su invito del comitato Salviamo il Monte Bonifato, sono riusciti a coinvolgere le scolaresche, le associazioni locali e la città tutta, per riappropriarsi di quello che gli era stato tolto.

montagna incendio 13 ottobre 2014Oggi quegli alberelli, simbolo di speranza e futuro, sono stati distrutti dall'ignoranza e dalla cattiveria di coloro che non amano il proprio territorio e il bello che esso offre. "Hanno distrutto i nostri sogni - questo il commento laconico di Vincenzo Raspanti uno dei fondatori del comitato". Ma nessuno è pronto ad arrendersi. Lo stesso coordinatore di Salviamo il Monte Bonifato annuncia: "siamo pronti ad andare a ripiantare gli alberi. Loro bruciano e noi ripiantiamo".

Un appello che ritroverà nuovamente sponda tra i tanti cittadini alcamesi che si ribellano a chi rifiuta il bello della natura e il rispetto del prossimo. Certi che nessuno li potrà fermare nel proteggere il loro Monte.

Letto 2578 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>