Pronta la rimozione coatta in Viale Europa e Viale Italia durante lo spazzamento meccanizzato dell’Aimeri

Pubblicato: martedì, 30 settembre 2014
Vota l\'articolo
4
Vota l\'articolo
0

incidenteALCAMO. Saranno rimosse coattivamente tutte le auto presenti nel Viale Europa e Viale Italia, parcheggiate nella zone dove vige il divieto di sosta istituito proprio al fine di agevolare lo spazzamento meccanizzato da parte dell'Aimeri.

Nello specifico i controlli avverranno nelle notti di Giovedì 2 Ottobre e Venerdì 3, su predisposizione del comando di Polizia Urbana. L'attività è frutto di un’azione sinergica fra l’Aimeri Ambiente e la Polizia Municipale di Alcamo al fine di consentire sempre più agevolmente la pulizia, attraverso lo spazzamento meccanizzato, di alcune zone della Città.

"L’intervento di controllo e rimozione - si legge in un comunicato stampa del Comune di Alcamo - si è reso necessario e si ripeterà nelle diverse zone della città dove ci sono i divieti di sosta predisposti per lo spazzamento meccanico, poiché l’Aimeri ha fatto rilevare come, spesso, la presenza di numerose vetture in sosta penalizza il passaggio della spazzatrice". Il  Vice-comandante della polizia municipale, Giuseppe Fazio, comunica inoltre che gli abitanti delle zone suddette sono stati già avvisati per evitare ogni disagio del caso.
Letto 2092 volte.
2 Commenti
Dì la tua
  1. Ponino64 ha detto:

    Io non la metto in sosta vietata….in genere lascio l’auto in seconda fila davanti al bar e poi vado a prendere un caffè’. Poi a ora di pranzo la riprendo per andare a casa a fare il sonnellino pomeridiano.

  2. Pane & Panelle ha detto:

    TRATTO DAL GIORNALE DI SICILIA:
    SENZA VERO CONTROLLO.

    ALCAMO. Sacchetti pieni di spazzatura lanciati contro le auto parcheggiate nella zona. Mentre il basolato e i marciapiedi si presentano coperti da “tappeti” di bicchieri in plastica usati, cartacce, immondizia varia, vomito, urina. La sporcizia invade gli ingressi delle abitazioni. Ma soprattutto, si segnalano urla, azioni di continuo disturbo della quiete pubblica fino all’alba.
    Danneggiamenti. Cittadini che risiedono nel centro storico di Alcamo denunciano questa situazione di rumori molesti, inciviltà, atti vandalici. Stavolta, a farsi portavoce del profondo stato di disagio è una donna esasperata da tali comportamenti, la quale non è più riuscita a trattenere il proprio malessere e ha deciso, pur chiedendo di non pubblicare i propri nome e cognome, di rivolgersi al cronista per denunciare ciò che accade nel quartiere in cui lei abita.
    “Giovani ubriachi – racconta – lanciano la spazzatura sulle macchine nella zona tra il Teatro comunale “Cielo d’Alcamo” e le strade che sboccano sulla via Commendatore Navarra”. Sporcizia e degrado anche nelle aiuole che circondano il vicino Castello. La lettrice ci fornisce immagini per illustrarci meglio ciò che avviene nella via Tenente Lucchese, alle spalle del teatro.
    “A fare questo sono tutti ragazzacci attorno ai vent’anni – dice la signora -. Qui abitano persone che hanno problemi di salute e hanno bisogno di riposare tranquille. Affermo che sono ragazzacci, perché intanto le parole che escono dalla loro bocca sono davvero raccapriccianti. Minacciano chiunque, si prendono gioco anche delle Forze dell’Ordine. Chi viene ad effettuare controlli – prosegue la lettrice – sembra arrendersi di fronte a questo stato di cose. Avevo fatto un esposto indirizzato agli organi competenti affinché si risolvesse questo grave problema, ma ancora io e i miei vicini di casa subiamo queste angherie. Di notte non possiamo più dormire, questi scapestrati qui fanno di tutto e hanno un modo di discutere e di fare tipico di delinquenti. E questi sarebbero il futuro della società? – si domanda quindi -. Pensate un po’: si permettono pure di cantare a squarciagola canzoncine per provocare gli abitanti del quartiere. Usano tavolini lasciati all’aperto e vi si siedono per tracannare bevande alcoliche, le cui bottiglie vuote vengono poi abbandonate dappertutto. Forse si drogano. Inoltre, chi controlla il rispetto degli orari di apertura ed emissioni sonore dei locali notturni? Chiediamo aiuto – conclude – perché è una situazione insostenibile”. E quando sarà attuato il progetto da 350 mila euro per la videosorveglianza ad Alcamo? Mentre sul sito web dell’albo pretorio comunale, alla voce “ordinanze”, non figura più quella emanata ad aprile dal sindaco Sebastiano Bonventre e che difatti era valida “fino al 30 giugno dalle ore 22 alle ore 6”, per regolare la vendita e il consumo di alcolici, facendo riferimento alle “numerose proteste” e agli “esposti da parte di cittadini che hanno segnalato, soprattutto durante le serate di fine settimana, situazioni di turbative della quiete pubblica e dell’ordine pubblico, con relativo abbandono disordinato di contenitori in vetro e altro materiale, che imbrattano le zone interessate”. In quell’ordinanza erano citati anche “casi di risse e minacce ai cittadini”. La responsabilità, è chiaro, non è tutta del Comune che è chiamato comunque a fare la propria parte in modo autorevole, oltre che autoritario, ma tutte le istituzioni, le famiglie, la società devono riflettere e agire tempestivamente per arginare quest’emergenza galoppante.Se manca il senso civico amministrazione comunale e forze dell’ordine possono fare ben poco.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>