Approvato il bilancio a Castellammare

Pubblicato: giovedì, 18 settembre 2014
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

castellammare del golfo comuneCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Approvato il bilancio di previsione che l'amministrazione comunale ha sottoposto al consiglio comunale. A votarlo favorevolmente i 13 consiglieri di maggioranza, contro i 7 di minoranza che si sono opposti.

Un bilancio da 42 milioni di euro che Coppola dice di aver voluto incentrare su equità e siluppo economico- turistico senza tralasciare manuetenzione e interventi ambientali, il tutto nell'ottica di una totale razionalizzazione della spesa.

"Abbiamo cercato di mantenere ed in alcuni casi di migliorare, la qualità dei servizi ai cittadini -afferma il sindaco Nicolò Coppola- anche se la spending review determina un'ulteriore contrazione della spesa. Le imposte applicate, con l’IMU, invariata, la TASI e la TARI, prestano particolare attenzione alle categorie più deboli (disabili, pensionati, chi ha basso reddito) ed alle attività produttive che in un difficile momento economico come quello attuale, sono le più colpite. Il nostro impegno, come si evidenzia nella relazione programmatica con il relativo bilancio pluriennale, mira a sostenere il tessuto produttivo locale. Attenzione anche nel proseguire le opere pubbliche programmate -continua il sindaco-: ricordo che la ristrutturazione della scuola Crispi, di torre Bennistra a Scopello, della villa comunale, la riqualificazione di beni confiscati alla mafia, sono in partenza. Significa sapere in quale direzione andare e per quali obiettivi lavorare. Ringrazio tutti poiché l’approvazione del bilancio è un risultato corale ".

Anche l'assessore Bologna si mostra d'accordo con il sindaco e insiste sull'attenzione che l'amministrazione comunale ha voluto porre per le fasce più deboli:  "Puntiamo anche ad attuare una gestione amministrativa che ha per fondamento l'attenzione costante alle spese, anche le più piccole: abbiamo previsto un recupero di uscite tramite progetti di efficientamento energetico e gestione delle spese telefoniche. Quindi ancora tanto per le politiche sociali, con interventi di assistenza per diversamente abili, più risorse e aiuti alle famiglie in difficoltà, con la predisposizione anche di un contributo per l’affitto e lavori socialmente utili. Resta alta l’attenzione per la scuola, la cultura, la biblioteca. Evidenzio -conclude l’assessore Bologna- il nuovo regolamento per gli incentivi che riguardano il centro storico per i quali abbiamo previsto sessantamila euro, agevolazioni per le imprese start up in base ad un protocollo con Confindustria, la riqualificazione dei beni confiscati alla mafia (20 mila euro) e progetti sperimentali nell’ambito sociale (20 mila euro). Le spese del personale incidono per il 31 per cento e l’avanzo di amministrazione è stato utilizzato con prudenza. Per il 2014, siamo riusciti a rispettare il patto di stabilità nonostante con il fondo di solidarietà comunale abbiamo un saldo in negativo superiore ad un milione e duecentomila euro ed i contributi statali sono quasi azzerati"

Letto 805 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>