La vendemmia dell’uva Libera…ta

Pubblicato: venerdì, 12 settembre 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Vendemmia Libera (1)Da oggi i volontari di Libera al lavoro nel terreno di Dattilo appartenuto all’imprenditore Michele Mazzara favoreggiatore del boss latitante Matteo Messina Denaro

In trenta venuti da Corleone a Dattilo per far vendemmia nel vigneto sequestrato ad un “colletto bianco”, un imprenditore che nonostante il patteggiamento per avere favorito la latitanza del capo mafia belicino Matteo Messina Denaro avrebbe continuato a fare affari e ad arricchirsi grazie al sostegno di Cosa Nostra. Si tratta di Michele Mazzara di recente arrestato nell’ambito dell’operazione antimafia Eden e adesso sotto processo dinanzi al Tribunale di Trapani. La sua specialità sarebbe stata quella di realizzare una serie di intestazioni fittizie di beni. Ma non solo. Avrebbe continuato ad agire nel territorio trapanese utilizzando la forza intimidatrice di Cosa nostra. Una mafia che non spara più e che con il solo sguardo può ottenere ciò che vuole.

A Michele Mazzara è stato anche tolto un albergo, il “Panoramic” di San Vito Lo Capo, gestito oggi dai lavoratori che hanno scelto la strada della costituzione di una cooperativa per continuare a lavorare e a lavorare bene senza più la cappa di quel loro ex datore di lavoro che ogni settimana aveva l’abitudine di fare allestire per succulenti cene la terrazza dell’albergo, invitando al suo tavolo solo una stretta cerchia di amici. Sarebbero stati summit tra buone portate di pesce. Chissà forse a questo tavolo potrebbe essersi seduto anche qualche latitante. Matteo Messina Denaro? Resta l’interrogativo. Torniamo a Dattilo: è una frazione di Paceco, su di una collinetta da dove si domina la campagna trapanese. Qui, questo è certo, Matteo Messina Denaro trovò per un paio di mesi un sicuro nascondiglio, garantito da Mazzara.

Vendemmia Libera (3)Qui si sarebbero tenuti summit di mafia. E’ la terra di Michele Mazzara ma anche di altri, come l’ex consigliere comunale di Trapani del Psi Franco Orlando, che mentre faceva il consigliere comunale e il portaborse dell’ex vice presidente della Regione Bartolo Pellegrino pare accompagnasse il killer di fiducia della cosca di Trapani, Vito Mazzara, quando questi andava a compiere delitti. Orlando è stato però solo condannato per associazione mafiosa, era un uomo d’onore riservato, “punciutu” dall’allora capo mafia di Trapani Vincenzo Virga. La terra di Dattilo nasconde ancora tante cose, qui durante una perquisizione fu trovata anche la sede di una loggia massonica. Una di quelle “non dichiarate”. Terreno fertile per la mafia. Oggi però una ventata di antimafia e di impegno responsabile ha invaso Dattilo. Trenta giovani venuti da Corleone e guidati da Calogero Parisi, presidente della cooperativa sociale “Lavoro e non solo” stanno facendo vendemmia nei terreni appartenuti a Michele Mazzara. Si tratta di giovani, donne e uomini, che da qualche tempo partecipano ad un campo di Libera a Corleone.

Vendemmia Libera (5)Hanno lavorato nei terreni confiscati ma hanno anche discusso, dibattuto sulla mafia e su come sconfiggerla. Pensate, sono venuti a Corleone pagando, ospiti paganti della città che una volta era terra di mafia e che poco a poco sta riuscendo a liberarsi del dominio delle famiglie storiche di Cosa Nostra, Riina, Provenzano Bagarella. Ma ci sono altre terre ancora da liberare come quelle trapanesi. Anche in questa provincia sono arrivati i volontari che hanno partecipato ai campi di Libera concentrati in particolare nella zona di Castelvetrano, lo zoccolo duro della mafia di Messina Denaro. Influenze nefaste che si avvertono ancora fino a Trapani, dove mafia, massoneria e impresa, senza tralasciare la politica, continuano a costituire una presenza palpabile. Come però si può toccare con mano la presenza di chi vuole cancellare la mafia da questi luoghi. I volontari di Libera venuti da ogni dove in questo senso stanno dando una buona mano. A loro diciamo buon lavoro e ce lo diciamo anche noi che inseguiamo il sogno di una vera libertà perché questi possa diventare realtà. Alla facci di chi va dicendo che a Trapani la mafia è sconfitta e non esiste. Hanno solo cambiato musica, quando le nostre strade erano sporche del sangue di morti ammazzati e del sangue delle vittime delle stragi questi erano gli stessi che andavano dicendo che la mafia non esisteva. Oggi come ieri ripetevano un ritornello ordinato dalla stessa mafia che a Trapani è sempre riuscita a farsi negare la sua presenza. Ma ieri come oggi non è così.

Letto 1464 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>