Intervista esclusiva ai Calandra e Calandra: ci raccontano dell’inedito “Oggi é Duminica”

Pubblicato: mercoledì, 25 giugno 2014
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

FOTO OGGI è DUMINICADopo il grande successo ottenuto con “Sicilianu tipu stranu” e “Lu Matrimoniu Tirituppi e T’Appi”, il noto  gruppo alcamese dei Calandra & Calandra, rigorosamente riconosciuto nell’ambito della musica folk popolare siciliana, si prepara ad un altro successo con il nuovo singolo “Oggi è Duminica”. Proprio due giorni fa si sono chiuse, presso il Lido Pirata di Castellammare del Golfo, le riprese del video clip siculo-musicale di questo nuovo inedito. Curato dal regista Baldo Messina e coordinato da Amedeo Culotta, il video è stato prodotto da Aeras Solution-Unimpresa e Università degli Studi di Castelvetrano.

Con “Oggi è Duminica” e il video che ne farà da sfondo, i fratelli Giuseppe e Maurizio Calandra si preparano a lanciare qualcosa di davvero sorprendente, per questo siamo andati ad intervistarli, curiosi di saperne di più!

 

Dopo il successo ottenuto con “Lu Matrimoniu Tirituppi e T’appi”, testo alquanto colorito e divertente, supportato per altro da un video clip che ricorda tanto i film di Tornatore, siete ormai quasi pronti per lanciare un altro inedito che s’intitola “Oggi è Duminica”. Qual’ è il tema fondamentale di questo testo?

Attraverso questo inedito vogliamo mettere in risalto il tema della classica famiglia siciliana degli anni ’80 che la domenica si organizzava per andare al mare, portando con sé di tutto e riempendo la propria auto all’inverosimile, come si si dovesse patire per il campeggio. Si vuole, infatti, giocare con esagerazione sui i nostri usi e costumi per rendere, al contempo, tutto ciò ancora più divertente. Quindi l’obiettivo è anche quello di suscitare un po’ di ironia in chi ascolterà il brano e guarderà il video. Un video che nonostante rifletta una realtà che è appunto quella degli anni ’80 , finisce per essere quanto mai attuale, considerando che ancora oggi andare al mare per noi significa portarci dietro di tutto, fino alla tradizionale pasta al forno.

Quando e come nasce l’idea di realizzare “Oggi è Duminica”?

L’idea nasce quasi un anno fa, in una notte dell’agosto 2013 – risponde Maurizio Calandra – quando a un certo punto mi venne in mente un motivo che non riuscii più ad abbandonare fino al mattino seguente. Ne parlai con mio fratello e dopo aver trovato un accordo e una mediazione di idee, abbiamo definito il motivo e scritto il testo, finché siamo approdati in sala di registrazione dove, finalmente, abbiamo dato vita ad un inedito che è frutto di tanto lavoro e tanti sacrifici.

Dalle foto pubblicate sulla vostra pagina facebook sembra proprio che il video clip di questa nuova canzone sia parecchio divertente, sempre in sintonia con lo spirito del vostro gruppo. Ci dareste qualche anticipo sul contenuto del video in questione?

In liea di massima si avrà modo di vedere un’organizzazione quasi maniacale dei preparativi per andare al mare. Preparativi che prevedono quella tradizionale tendenza siciliana, che tutt’oggi spesso ci si trascina dietro, a portare con sé oggetti di cui non possiamo fare a meno, come ciambelle, canotti, palloni, frigo e cibi di ogni genere, dall’anguria alla pasta al forno, fino ai cannoli e ai più tradizionali dolciumi. Una tendenza che sembrerebbe piuttosto appartenere al passato ma che di fatto non lo è del tutto. Chi, dopotutto, non si è mai spostato in una determinata località marina senza portarsi dietro oggetti di ogni tipo? In fin dei conti l’abbiamo fatto un po’ tutti, finendo per apparire in certi casi goffi e fortemente esagerati. Noi addirittura abbiamo voluto marcare ulteriormente questa esagerazione, mostrando nel video clip una famiglia che arriva al punto di caricare sulla propria auto un divano. Oggetto, quest’ultimo, che simboleggia inevitabilmente un rituale portato all’esasperazione, che finisce per fare di un giorno di festa e riposo un vero e proprio dramma. La famiglia protagonista del video, infatti, è una famiglia davvero imbarazzante! Con numerosi figli a carico e innumerevoli oggetti, si porta dietro persino l’insopportabile suocera. Una situazione davvero fuori dal normale, che porterebbe all’esasperazione qualsiasi padre di famiglia che decide di trascorrere una giornata al mare con i propri cari.

Quali luoghi della Sicilia avete scelto per girare il video clip e quante sono all’incirca le persone che hanno collaborato con voi per la sua realizzazione?

I luoghi coinvolti sono San Vito Lo Capo, Castelluzzo, Macari e Castellammare del Golfo, tutti posti, eccetto Castellammare, che sinora non avevamo messo in evidenza. In altri video clip musicali, infatti, abbiamo girato in paesi come Castelvetrano, Alcamo, Scopello, Trapani e Custonaci. Questa tendenza a cambiare costantemente luoghi affonda le sue radici in uno dei nostri più cari sogni, ovverossia girare in ogni provincia, cercando di coinvolgere più luoghi possibili. Un sogno che potrebbe apparire ambizioso, ma che di fatto cela la necessità e il desiderio di mettere in evidenza, attraverso i nostri video, le bellezze della nostra terra e le delizie gastronomiche. Un desiderio che per noi è diventato un progetto a tutti gli effetti e che porteremo sempre avanti.

Nel video clip di “Oggi è Duminica”, la scelta dei luoghi, ovviamente, è stata dettata dal tema della canzone, dove il mare, diventando il motore che muove le azioni di tutti i personaggi, ha uno spazio fondamentale e di vitale importanza. Proprio per tal motivo a fare da sfondo alle ridicole quanto divertenti azioni degli attori, ci sarà sempre un pezzo del nostro meraviglioso mare e delle nostre splendide spiagge.

Le persone che hanno collaborato con noi sono tantissime, parliamo di circa 200 persone tra protagonisti e comparse. All’interno di questo numero vanno ricordate anche le sessanta modelle provenienti dalla città di Palermo e non solo, giusto per ricordare che la nostra non è soltanto una terra fatta di parecchie bellezze naturali, ma anche di tante bellezze fisiche. E poi non possiamo dimenticare chi ha lavorato dietro a tutto questo, ovvero il team di Baldo Messina, nostro regista, e Amedeo Culotta, che è il coordinatore.

Quando uscirà l'inedito?

Il 9 agosto verrà presentato al pubblico per la prima volta, in occasione di un grande evento che si terrà all'Arena delle Rose di Castellammare. Un evento in cui non ci esibiremo da soli, bensì in compagnia di una splendida orchestra che ci accompagnerà nel corso della serata. Anzi approfittiamo per invitare tutti a partecipare numerosi.

Quali sono le vostre aspettative in merito a questo lavoro?

Le aspettative sono positive e ci auguriamo di bissare il successo ottenuto con “Lu matrimoniu” e con “Sicilianu tipu stranu”. Ogni inedito per noi è sempre una grande sfida, perché cantare in siciliano nella nostra terra ma soprattutto nella Sicilia occidentale è molto difficile. In genere, infatti, ci si scontra con un pubblico che è particolarmente restio alla musica folk popolare siciliana, pertanto nonostante cerchiamo di fare sempre il nostro meglio, sappiamo bene che la realtà locale non aiuta molto in questo. Nonostante tutto, però, ci auguriamo di arrivare dritti al cuore e all’animo di chi ci ascolta e di chi ci ascolterà per la prima volta, sperando che prima o dopo giunga anche per il nostro territorio una forma di conversione alla musica popolare, e diventare per noi motivo di orgoglio. Ci aspettiamo, dunque, una crescita di consensi che ci permettano di portare avanti il nostro progetto.

Avete già pensato a un futuro inedito?

Abbiamo già delle tracce ma ancora da sviluppare, nel senso che dobbiamo meglio capire che indirizzo dare ad ogni brano, quindi su quale tema giocare e che tipo di realtà raccontare. In ogni caso, l’ironia resterà sempre uno dei principali ingredienti dei nostri lavori. Di seguito alcuni scatti realizzati durante le riprese del video clip: FOTO 3FOTO 520140623_114907FOTO 2      
Letto 2161 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>