Intervista a Benedetto Vesco sulla situazione politica alcamese

Pubblicato: sabato, 22 marzo 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

VescoALCAMO. Intervista sulla sitazione politica alcamese a Benedetto Vesco, uno tra i più giovani consiglieri comunali.

1) Consigliere Vesco come giudica il nuovo rimpasto del Sindaco di Alcamo?

Dopo settimane di incertezze,si chiude il sipario anche su questo ennesimo teatrino che ha caratterizzato la giunta di questa città. Nonostante le patetiche e ripetute rasicurazioni del Sindaco, che a mio parere continua a confondere il confronto democratico con il caos legislativo, francamente nessuno crede più che l'ennesimo cambio di formazione della Giunta sia dettato dalla necessita di imprimere nuove scosse all'attività amministrativa.

2) Pensa che la nuova giunta sia in grado di soddisfare le richieste dei cittadini di un nuovo rilancio politico della città di Alcamo?

Nel mio recentissimo comunicato ho ribadito un concetto: nessuno ha messo indubbio le capacità professionali e umane della nuova squadra assessoriale, ma è anche vero che la stessa si è presentata alla citta senza una agenda programmatica con le relative iniziative da attuare nel breve e lungo periodo. In merito al rilancio politico credo che si è dato inizio ad una metamorfosi anche nei confronti delle richieste dei cittadini, richieste, che fino a qualche anno fà rappresentavano esigenze legittime e "naturali" di una città, purtroppo le stesse. Oggi, per alcuni rappresentano soltanto strategie e obiettivi da raggiungere.

3) Quanto pesa l'ombra dei leader del passato come l'ex Sindaco Scala o l'ex Senatore Nino Papania sull'amministrazione comunale?

Ma, solitamente le ombre non hanno nessun peso, anche se in politica in certi casi  l'ombra può materializzarsi. Questa domanda credo che debba essere rivolta, non solo ai consiglieri comuali eletti nelle liste collegate agli ex leader che lei ha precedentemente citato, ma soprattutto, a chi oggi rappresenta il capo del governo di questa città.

4) Lei da sempre è stato uno tra i consiglieri più presenti in Consiglio Comunale. Che umori si respirano in questo momento tra i consiglieri?

Il faticoso e lungo travaglio che ha portato alla formazione della nuova Giunta è stato ampiamente messo in risalto anche dagli organi di stampa, il mal di pancia che tormentava i gruppi e i movimenti che oggi sostengono o sostenevono l'attuale amministrazione è ancora evidente. Secondo il mio umile pensiero la maggioranza, a lei sembrerebbe un paradosso, oggi c'è ma è certamante meno coesa di prima.

5) Quali strade traccerebbe per il futuro della nostra città?

A mio parere l'esigenza di questa città non è certamente quella di tracciare nuove strade, ma quella di intraprendere e realizzare quelle esistenti. Le problematiche che vengono quasi quotidianamente evidenziate, perdurano da tanti anni: personale , internalizzazione dei servizi , riqualificazione del personale, viabilità e turismo, quest ultimo non solo basato sulla ricettività ma anche su una possibile politica di invesitimento, anche con la collaborazione tra pubblico e privato, come ad esempio la captazione delle risorse termali presenti nel sottosuolo tra i territori di alcamo, calatafimi segesta e castellammare del golfo.

Inoltre, a breve le navi delle più importanti compagnie da crociera, lungo il loro percorso, avranno l'opportunità di sostare all interno del porto di Trapani, lungimirante iniziativa sarebbe certamente quella di inserire Alcamo tra le mete da visitare, magari mettendo a disposizione un pullman gratuito per tutti quei turisti che, preventivamente informati, vorranno gratuitamente visitare la nostra magnifica città. Sarò sicuramente ripetitivo, ma questa città ha bisogno di azioni coraggiose, le idee e gli indirizzi politici da parte dei consiglieri comunali tutti, certamente non mancano.

Letto 1573 volte.
7 Commenti
Dì la tua
  1. gaspare ha detto:

    Fin quando l’opposizione si limita allo spessore del consigliere VESCO il sindaco può dormire sonni tranquilli.
    Ritengo però che a breve possa anche innescarsi la rivolta popolare perchè la gente sta veramente male e vedere questi consiglieri che “guadagnano” gettoni su gettoni (commissioni inconcludenti e spesso inutili) e che “abbaiano” cercando di fare credere che con la loro inutile presenza siano riusciti ad individuare colpe e responsabilità può essere il reale innesco di quello che veramente temo.
    Consiglieri cercate di limitare la diarroica uscita dalle casse comunali di denaro pubblico effettuando le sole commissioni utili e assessori non limitatevi a soli due mesi di astinenza prima di riprendere (per voi cominciare) la “grande abbuffata” perchè solo cosi potrete continuare a mostrarvi tra la gente che sta veramente male ed in molti casi non riesce a sbarcare il lunario.

    • educazione ha detto:

      premesso che ognuno è libero di esprimere le proprie considerazioni e osservazioni, ritengo da ex consigliere che lo spessore, così come evidenziato da sig gaspare, del cons vesco è certamente superiore rispetto a commenti che lasciano il tempo che trovano.
      io non riesco a capacitrmi sul fatto che ogni qual volta un consigiere di opposizione critica e/o suggerisce alcune sue proposte, invece di rispettarle si accusa senza conoscere.
      pensate che la mancanza di eventuali emolumenti spettanti a chi ricopre cariche istituzionali, rilancerebbe l’economia della nostra città e aprirebbe nuovi orizzonti occupazionali?
      io penso proprio di no.
      Rivolta popolare?
      Mentre a Roma dietruggono il futuro dei nostri figli non accusiamo e critichiamo le istituzioni periferiche,
      sbalorditiva concezione della politica!!

  2. Una Voce Libera ha detto:

    …sono pienamente d’accordo con il commento di Elena De Luca,dove non ce’ acqua non si può fare turismo !!!
    …Ci vuole una mobilitazione con tutti i cittadini per chiedere ai Sig.di del CentroSinistra Sindaco compreso,per chiedere l’acqua !!!
    …Siamo in una vera e drammatica emergenza idrica ad Alcamo !!!
    …Tutti insieme possiamo vincere la burocrazia e fare valere i nostri diritti !!!

    • antonio ha detto:

      A mio parere la sig.ra De luca non ci ha azzeccato nulla perchè in fase odierna non puoi pensare allo straordinario quando non puoi neanche fare fronte all’ordinario.
      Occorre una CLASSE POLITICA SERIA E COMPETENTE, capace di pensare effettivamente al recupero della città e, con spirito di abnegazione (non solo per due mesi), spendersi per il bene comune.
      Oggi abbiamo una classe politica che pensa solo a se stessa sia a livello di Consiglio sia di Giunta ed è dimostrato dalla grande quantità di gettoni di presenza che vengono percepiti dagli stessi consiglieri mentre la Giunta, dopo avere sbandierato ai quattro venti il “low cost” (per la stessa il sindaco) approva una delibera che limita il periodo di gratuità dell’impegno a soli due mesi (pensare di avere a che fare con persone serie è solo una pia illusione) e per tutta risposta il sindaco continua a brillare per la grande assenza in quanto in “tutt’altre faccende affancendato a questa roba è morto e sotterrato” (predizione del Giusti).
      Credo che occorra ritornare a votare con la speranza che qualche persona seria si renda disponibile a reggere le redini di una città in pieno oscurantismo.

  3. Benvenuti ad Alcamo – Citta’ Senz’Acqua !!!

  4. Giuseppe ha detto:

    Il crocierista non porta soldi!

    Cercati un lavoro!!
    Lo sanno tutti che hai dietro a Regina, uomo di vecchia politica.

  5. alcamonondorme ha detto:

    il consigliere Vesco non è di opposizione. Ha votato Bonventre e lo stesso ha chiuso la campagna elettorale di Regina con un suo intervento.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>