Nasce la Consulta comunale sull’handicap ad Alcamo

Pubblicato: giovedì, 27 febbraio 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. Si è appena istituita ad Alcamo la nuova consulta comunale sull' handicap, fortemente voluta dall'amministrazione Bonventre. La prima riunione si è tenuta il 24 febbraio, presso i locali dell’ufficio servizi al cittadino di via Verga, per eleggere gli organi di rappresentanza del nuovo organismo.

Faranno parte della nuova consulta: l’associazione Villa Letizia ONLUS; l’Associazione Italiana Persone Down; l’assoc. I girasoli ONLUS; Insieme per vivere, ONLUS; Amici della Salute; il centro A.I.A.S.; la coop. soc. Valle Verde, l’associazione Servizi e Promozione Umana.

Durante il primo incontro è stata eletta Presidente della consulta la signora Clara Parrino, dell’Associazione Valle Verde. Il ruolo di vicepresidente verrà ricoperto da Ignazio Messana, dell'Associazione Persone Down e quello di segretario da Angela Vilardi, del centro A.I.A.S.

Per l'Asssessore Abbinanti la consulta ha un importante ruolo sociale " in quanto costituisce l’organo di riferimento per le persone disabili e le loro famiglie nei rapporti con l’amministrazione comunale per il superamento delle condizioni di emarginazione, al fine di assicurare una piena partecipazione alla vita sociale nel suo complesso dei soggetti con disabilità".

"D’altronde - conclude Abbinanti - il ruolo fondamentale della consulta è proprio quello di istaurare un rapporto di collaborazione con l’Amministrazione Comunale, le istituzioni scolastiche del territorio, l’ASP nonché la Regione, volto alla realizzazione di tutte quelle iniziative per il superamento delle barriere che impediscono il conseguimento dei diritti per una pari opportunità per la scuola, il lavoro, il tempo libero e per una piena fruizione di tutti i servizi presenti sul territorio".

Letto 482 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Antonino Vallone ha detto:

    Spero che si prenda in seria considerazione la VERGOGNOSA situazione in cui versa Alcamo circa la presenza di barriere architettoniche. Basterebbe che alcuni disabili in carrozzella decidano di andare in giro per le principali strade di Alcamo per rendersi conto di come sia impossibile spingere la loro carrozzella in spazi per i pedoni e non in strada. I marciapiedi certe volte non ci sono nemmeno e quando ci sono o sono troppo stretti o sono in certi casi bloccati dalla presenza di pali, di gradini, di cassette della frutta dei negozi, ecc. ecc. Se un disabile vuole per esempio andare in carrozzella all’Ospedale come fa a percorrere la via Crispi? Come fa a scendere lungo la via V. Veneto per arrivare in Piazza? Persino il marciapiede del lato nord del Corso VI Aprile non sempre assicura uno spazio sufficiente. E così via in tantissimi altri casi. URGE AGIRE PER RISPETTARE I DIRITTI DEI PEDONI E DEI DISABILI RIDANDO SPAZIO ALLA LORO DEAMBULAZIONE NELLE STRADE DI ALCAMO, SENZA ESITARE, SE IL CASO, A TOGLIERLO A QUELLO DATO INVECE ABBONDANTEMENTE ED INGIUSTAMENTE ALLE AUTO (POSTEGGI LUNGO LE STRADE).

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>