Massimo Melodia si dimette

Pubblicato: giovedì, 27 febbraio 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. Durante la seduta del consiglio comunale, prima della pausa di venti minuti intercorsa tra le 19.20 e le 19.40, il presidente del consiglio comunale ha letto una lettera che l'ormai ex assessore Massimo Melodia ha voluto rivolgere a tutti i colleghi e consiglieri.

Una lettera di commiato dove ringrazia tutti per l'esperienza che si è pregiato di fare a favore della sua città. Un saluto rivolto ai consiglieri al di sopra delle parti politiche poichè Melodia ha voluto rivolgersi a tutti indistintamente anche se qualcuno nel corso di questi mesi ha fatto nei suoi confronti ostruzionismo.

Dalla sua lettera di saluto sembra di comprendere che Melodia si dica comunque soddisfatto di avere fatto tale esperienza da cittadino alcamese e da amministratore.

Ricordiamo che a gennaio Bonventre aveva annunciato un rimpasto che ancora tarda ad arrivare. Pago comunque dell'esperienza Melodia ha preferito non aspettare la sfiducia del sindaco e lasciare vacante il posto di assessore.

Letto 555 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Elio ha detto:

    Si è tirato fuori dalla pista di ballo…….
    In ballo girano molti nomi…tecnici….non tecnici….
    IL BALLO IN MASCHERA FINIRA’ A CARNEVALE !

    “Martedì sarà chiusa la crisi politica ad Alcamo”.
    Parola di Giuseppe Canzoneri, segretario del Pd cittadino.

  2. vm ha detto:

    Amen!
    Ma poi li ha pagati i danni relativi all’arredamento di scarsa qualità utilizzato per l’isola semipedonale?

  3. elio ha detto:

    Persona perbene che dimostra anche grande dignità.
    Complimenti al Signor Melodia.

  4. Il cittadino che si è rotto il c.... ha detto:

    Grande sconforto, una perdita incolmabile!!!

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>