I collaboratori civici che straparlano sui social

Pubblicato: venerdì, 14 febbraio 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO- Si parla dei collaboratori civici: a sollevare la questione è Antonio Fundarò che, durante la seduta del Consiglio Comunale di ieri sera, ha definito il numero degli incarichi spropositato rispetto alle reali esigenze. La preoccupazione del Consigliere si concentra sulla difesa dell'immagine dell'Amministrazione. Nello specifico Fundarò fa riferimento a quei collaboratori che utilizzano un linguaggio denigratorio nei confronti dell'amministrazione comunale, pur di fatto facendone parte, e chiede di intervenire in questo senso. L'amministrazione, in questo senso, si è impegnata a monitorare la questione della comunicazione esterna ed eventualmente sostituire gli incarichi affidati ai collaboratori.

Letto 689 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Vito D'Angelo ha detto:

    Bravo Antonio, sei sempre onesto e chiaro, apprezzo il tuo modo di fare.

  2. Veronica ha detto:

    Ma questo ancora in consiglio sta’? Dopo tutto quello che è uscito fuori su di lui, non prova un po’ di vergogna Sign. Fundaro’?

  3. Giuseppe ha detto:

    Vuoi fare liste di proscrizione ?!?!?

    Vergognati e dimettiti per quello che hai fatto. Non sei degno di stare in consiglio comunale!

    ribrezzo!!

  4. melissa ha detto:

    perche’ quello che fa il resto dei consiglieri e assessori e’ buono..non hanno vergogna delle pagliacciate che fanno in consiglio e di come e’ gestita effettivamente alcamo???? che si vergognino tutti…

  5. carlo scibilia ha detto:

    Fundaro , non hai altre cose a cui pensare , lascia stare i collaboratori civici e giusto che dicano la loro, ovvio che quando parlano dicano a che titolo tutto qua.

  6. carlo scibilia ha detto:

    Occupati di cose piu serie, a la gente non interessa intitolare strade e collaboratori civici. Buona serata

  7. Giuseppe Alcamo ha detto:

    Ma questo individuo non si vergogna ancora a parlare in pubblico dopo che è stato condannato alla pena di otto mesi e venti giorni di reclusione (pena sospesa) per aver indotto la pubblica amministrazione ad errore per un attestato di invalidità utile per l’assegnazione provvisoria per la scuola secondaria di secondo grado nell’anno scolastico 2011-2012.???( Condanna pronunciata dal GIP di Trapani Lucia Fontana)

    Vedi Alqamah del 14 maggio 2013

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>