Inchiesta spese pazze all’Ars: ecco i parlamentari trapanesi coinvolti

Pubblicato: mercoledì, 15 gennaio 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Non sembra finire la bufera sulla gestione dei fondi destinati alla politica. Nell'inchiesta sulle spese pazze all'Ars, tra i 97 esponenti politici coinvolti, sono finiti sotto inchiesta tutti parlamentari trapanesi della precedente legislatura, alcuni di essi attualmente in carica al parlamento regionale siciliano. Nel mirino degli investigatori ci sono i fondi destinati ai gruppi parlamentari, di cui circa il 50% sarebbero da considerarsi illegittimi. Tutti i 97 politici legati alla precedente legislatura sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura di Palermo.

Ecco gli otto parlamentari ed ex-parlamentari trapanesi coinvolti nelle indagini:

Baldassare Gucciardi: attualmente deputato all’Ars e capogruppo del PD a cui verrebbero contestati 1.365 euro.

Paolo Ruggirello: ad oggi parlamentare all’Ars il quale ha ricevuto un avviso di garanzia in quanto ex capogruppo e responsabile del gruppo parlamentare MPS alla scorsa legislatura.

Giulia Adamo: attualmente Sindaco di Marsala, la quale ha ricevuto un avviso di garanzia. Fino al 2012 ricopriva il ruolo di capogruppo nell’UDC.

Toni Scilla: eletto parlamentare alle scorsa legislatura nel PDL, poi approdato in Grande SUD, attualmente tra gli esponenti più attivi di Forza Italia in provincia di Trapani. La cifra a lui contestata è di 5.810,66 euro.

Pio Lo Giudice: ex presidente dell’ordine dei medici in provincia di Trapani, eletto nella scorsa legislatura con l’UDC e poi transitato nel gruppo alleati per la Sicilia, dovrà rispondere di 5.810,66 euro.

Camillo Oddo: parlamentare del PD fino al 2012. Dovrà giustificare 2.500 euro.

Massimo Ferrara: ex Sindaco di Alcamo e parlamentare PD durante la scorsa legislatura.

Livio Marrocco: eletto deputato regionale nel 2008 nelle liste del PDL e successivamente traghetto in FLI. Anche lui ex-capogruppo del gruppo parlamentare siciliano di FLI.

In questi giorni molti parlamentari si dovranno presentare in Procura a Palermo per fornire le proprie spiegazioni sulla vicenda. Comunque andrà a finire il caso “gestione fondi partiti siciliani”, l’esigenza di una maggiore trasparenza sarà la scelta obbligata per il futuro.

Letto 896 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Una Voce Libera ha detto:

    …Questa e’ la vera politica !
    …i soldi al primo posto !
    …mentre i cittadini fanno la fame !

  2. elio ha detto:

    E bravi!!!!!!

  3. francesco ha detto:

    Devono restituire tutto quello che hanno rubato

  4. sparta ha detto:

    CHE STUPORE! ?
    RIVOTATELI.
    LE BESTIE CONTINUANDO COSI’, SAREMO NOI.
    FORZA NUOVA. ORG

  5. paco ha detto:

    da domani potranno definirsi .onorevoli maiali

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>