Consiglio comunale Alcamo: Tanto rumore per nulla

Pubblicato: venerdì, 20 dicembre 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. All'indomani della distribuzione delle cartelle sulla tares si riunisce il consiglio comunale di Alcamo per discutere le diverse interogazioni dei consiglieri, di unioni civili, debiti fuori bilancio...

Gli alcamesi, intanto, alle 20:00 si incontrano in via Verga per discutere della Tares e decidere come agire e cosa chiedere alle istituzioni dopo aver visto che l'importo della tase si è quasi raddoppiato nella maggioranza dei casi.

Mentre il consiglio discute di onde elettromagnetiche, passerella di Alcamo Marina e rimanda alcune interrogazioni per l'assenza degli assessori del ramo. Uno su tutti Paglino, il quale in qualità di vicesindaco è con il sindaco dal Prefetto per discutere proprio dell'immondizia.

Finite le interrogazioni è la volta del regolamento delle unioni civili su cui il consiglio inciampa rovinosamente perdendo oltre mezz'ora per rinviare la votazione e l'approvazione ad un'altra seduta, a causa della riproposizione di un regolamento già bocciato.

Si discute infine dei debiti fuori bilancio e della necessità di trovare delle modalità che possano regolamentare tale istituto in quanto sempre più spesso si notano delle incongruenze che lasciano pensare ad un tentativo di approfittare della larga mano del comune che paga tutti gli incidenti senza accertarsi fino in fondo della loro veridicità. Calvaruso sostiene che occorre fare dei controlli incrociati anche per i testimoni poichè giudica davvero assurdo che su una stessa buca si trovino a cadere a breve distanza di tempo più persone, come se si diffondesse la voce che lì si può cadere e il comune pagherà.

Alle 21 il consiglio viene sospeso per assenza di numero legale, alle 22 il consiglio viene rinviato perchè mancano 25 consiglieri su 30. Intanto i cittadini che si riunivano per la tares hanno raggiunto l'aula e hanno assistito alla disfatta del consiglio. Il commento della folla è stato risoluto: "Buffoni".

Letto 627 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. elio cordero ha detto:

    BUFFONI è dire poco.
    Basta pensare a quanto è costato, in termini di gettoni di presenza e rimborsi spese, il consiglio comunale e a quanto costano le sedute di commissione consiliare che questi “signori” costantemente effettuano per parlare del nulla.
    L’appellativo che più si addice è “Ladri”! ed il paese affonda

  2. cittadina stanca ha detto:

    Penso che non si debba fare di tutta l’erba un fascio,voglio ricordare che TUTTA l’opposizione non ha votato la Tares non solo i tre paladini di abc,quindi non è giusto assaltare persone che si sono schierate contro questa amministrazione da subito….che facciano culpa della mia culpa i cittadini che hanno votato questo sindaco e certi consiglieri di maggioranza

  3. Una Voce Libera ha detto:

    …Vede che “bello” consiglio comunale c’è ad Alcamo ?
    …questo succede perché i cittadini non sanno votare !!!
    …da più di 20 anni queste “politici” hanno “amministrato” malissimo la Città di Alcamo e ancora lì votanò…e poi i cittadini si lamentano…
    …Mandiamoli tutti a casa …subito !!!

  4. Il cittadino Vigile 2 ha detto:

    Ma perchè i consiglieri non ci danno spiegazione di tutte le commissioni che fanno (che servono solo a farsi pagare il gettone di presenze) dire BUFFONI e poco … li dovremmo mandare a casa tutti a calci in culo.

  5. ciccio ha detto:

    salve a tutti è proprio cosi miei cari concittadini abbiamo fatto la differenziata e questo è il premio tares che raddoppia del 100% a cosa serve fare la differenziata ????? a cosa serve l avvocato del comune se non riesce a vincere nessuna causa ???????? di questo passo possiamo andare a rubare con la speranza che il giudice capisca il motivo di questo gesto

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>