TARES, il PD castellammarese si esprime sul regolamento

Pubblicato: giovedì, 7 novembre 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. I rappresentanti in consiglio del PD castellammarese si espimono sul regolamento TARES, tema che verrà affrontato nel corso della prossima seduta consiliare, proponendo un’agevolazione alle famiglie con portatori di handicap, ma non condividendo le agevolazioni previste per alcune categorie di attività commerciali (utenze non domestiche), poiché ritenute discriminatorie e non sufficientemente giustificate in un contesto difficile come quello attuale per l’economia locale.

Secondo il PD, per ottenere una maggiore equità sociale sarebbe necessario provvedere ad una rimodulazione delle aliquote al ribasso per le attività che sarebbero maggiormente penalizzate del nuovo tributo.

La Tariffa Rifiuti e Servizi (Tares), viene calcolata sulla base della superficie degli immobili, il numero dei residenti, la produzione media dei rifiuti e altri parametri, e dovrà coprire al 100% i costi del servizio, come previsto dalla normativa appena richiamata.

La possibilità di rimanere in regime TARSU non è condivisibile per i Democratici Castellammaresi: anche in questo caso, il costo del servizio dovrebbe essere interamente coperto e, di conseguenza, sarebbero ugualmente inevitabili aumenti, specie con l’aggiunta dei 30 centesimi di euro per metro quadro che andranno direttamente allo Stato e che il Comune non potrà fare a meno di riscuotere. Quindi, la TARES è ritenuta più equa rispetto alla TARSU (“Tassa per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani”) se si pone come obiettivo il principio comunitario “chi inquina paga”, ampiamente condiviso da questo Circolo.

"L’ideologia ed i valori su cui si fonda il Partito Democratico impongono una scelta a tutela di tutte le attività commerciali e delle fasce più deboli della popolazione, senza distinzioni né discriminazioni, e mirano ad ottenere la riduzione dei conferimenti di RSU, per ottenere un abbattimento dei costi del servizio, ed è già all’opera con diversi tecnici per formulare soluzioni concrete alla spinosa questione".

Letto 524 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>