A Castellammare si raccolgono le olive nei terreni confiscati alla mafia

Pubblicato: lunedì, 28 ottobre 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

CASTELLAMMARE – Anche a Castellammare del Golfo si può respirare “quel fresco profumo di liberà” di cui parlava Giovanni Falcone. Proprio ieri i ragazzi del presidio di Libera “Piersanti Mattarella”, Castello libero onlus, il gruppo scout AGESCI di Castellammare e l’Antiracket hanno concluso la raccolta delle olive nel terreno di 2.356 mq confiscato a Salvatore Palazzolo in contrada crociferi o bocca della carrubba ed assegnato proprio a loro lo scorso anno. Due giornate di duro lavoro ma ricche di soddisfazioni, come ci spiega il referente del presidio di Libera Castellammare Nicola Prosa: “ Per noi è un atto di responsabilità gestire il bene e lo facciamo con impegno , impiegando il nostro tempo e la nostra buona volontà” . Sono tanti i terreni in giro per l’Italia confiscati alle mafie in cui i ragazzi delle associazioni antimafia lavorano per ricavare prodotti biologici e con un sapore unico, quello della legalità. L’olio ricavato verrà utilizzato per finalità sociali.

Letto 383 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>