Carcere di Favignana, proclamato lo stato di agitazione dei poliziotti penitenziari

Pubblicato: sabato, 28 settembre 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Il coordinatore regionale della Uil penitenziari Sicilia Gioacchino Veneziano, proclama lo stato di agitazione dei poliziotti penitenziari in servizio al carcere di Favignana, a seguito della decisione dell'amministrazione centrale, di ridurre di 24 unità il personale impiegato nella struttura dell’Isola ritenendolo in esubero.

Veneziano, insieme al segretario provinciale Uil penitenziari Fabio Adragna e al componente della segreteria Michele Soldano, ha incontrato mercoledì scorso in una riunione a Favignana il direttore del carcere “Giuseppe Barraco”.

“Il direttore – spiega Veneziano – mi ha informato che le 24 unità di personale non sono affatto in esubero, ma essenziali al corretto funzionamento della struttura di detenzione secondo gli standard di sicurezza. Di conseguenza, ho deciso di chiedere un incontro urgente con il Provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria per analizzare meglio insieme la pianta organica e capire che soluzioni adottare. Nel carcere eguseo – continua - sono attualmente impiegati 113 poliziotti penitenziari, di cui 18 fanno parte della base navale per cui non possono essere utilizzati in attività all’interno del carcere. Se si andranno a togliere 24 poliziotti la pianta organica sarà costituita, dunque, da appena 71 persone”.

Veneziano esprime la propria solidarietà all’intervento del sindaco di Favignana Giuseppe Pagato, che ha già scritto al Guardasigilli per chiedere la revoca del provvedimento con cui si dispone, per l’appunto, il rientro in sede di 24 poliziotti penitenziari che dal 2011 sono distaccati sull’isola di Favignana.

Letto 516 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>