Alcamo Decadence, la fine di un sistema

Pubblicato: lunedì, 19 agosto 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Ogni fenomeno umano ha un inizio e una fine. A questo non si sottrae “Alcamo Decandence”,  che ha visto Alcamo per decenni  in mano a "buoni" amministratori, che hanno proposto un modello di società e economia approvato dalla stragrande maggioranza della popolazione e dalla stragrande maggioranza dei rappresentanti politici della stessa città, ma questo modello è crollato con la crisi economica, mettendo in evidenza le pecche del sistema. La “Decadence” non si limita al crollo del “vecchio”, ma alla constatazione che l’alternativa a questo sistema non riesce ad accalorare i cuori degli alcamesi; riesce ad avere una buona affermazione, ma non a diventare un sistema di riferimento per la maggioranza dei cittadini. Il risultato di tutto questo è sotto gli occhi di tutti gli alcamesi: degrado strutturale della città e poca influenza politica nelle “stanze dei bottoni”, cioè dove si decide. La soluzione? Fare ciò che agli alcamesi riesce meglio, rimboccarsi le maniche, coltivare e ricostruire, non eliminando il passato, ma rinvigorendone le caratteristiche migliori e immettendo nuovi progetti e nuove modalità. Molti auspicherebbero non una “Rivoluzione”, perché inasprirebbe i toni dello scontro politico, ma un  cambiamento, cioé una politica alternativa, non “gridata” e concreta, lontana dall’ipocrisia del “politically correct”, che sa più di inciucio che di vera politica.

Letto 967 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Il Cittadino Vigile ha detto:

    …C’è crisi idrica ad Alcamo e nessuno parla…L’acqua arriva per pochi ore e dopo 6/7 giorni…Questo è il vero,vecchio e fallimentare sistema politico che da più di 20 anni amministra la “Città” di Alcamo !!!
    La Vergogna continua…

  2. Nino ha detto:

    Questo articolo, come ogni cosa umana, esprime un punto di vista che personalmente ritengo non esatto. Che si definiscano buoni amministratori in massa coloro che hanno creato un sistema pieno di “pecche” è una contraddizione in termini. Un modello di società che si basa soprattutto sull’uso o abuso del denaro pubblico (precari, formazione professionale, impiegati, consulenti, forestali, vigili del fuoco, ecc.) che non favorisce la crescita dell’imprenditoria privata mi sembra che non potesse non implodere, ma questo ai politici interessava poco. Interessavano i voti e il potere che questo sistema assicurava. Riguarda all’alternativa, tutto si può dire tranne che non abbia infuocato il clima politico o che non abbia attirato tanti consensi, ottenendo contro il vecchio sistema ben unito e saldo un risultato eccezionale che ha fatto tremare i soliti potenti. Sono d’accordo sulla necessità di cambiamento e per me in certi casi ciò significa “rivoluzione”, soprattutto nei modi di fare politica. Non si può non essere chiari e nettamente diversi quando si tratta di contrastare forme gravi di illegalità. Poi non si capisce dai contenuti dell’articolo a quale ipocrisia e inciucio si riferisca. Meglio essere chiari e diretti che alludere solo per evitare di prendersi le responsabilità di ciò che si afferma.

  3. sparta ha detto:

    Carissimo Eros Bonomo, ma dove vivi? La causa di questa crisi è SOLO grazie a quei bravi amministratori che in ambito locale sono stati ancora più bravi a togliere l’ospedale, l’acqua etc.
    Abbiamo sperperato denaro pubblico per accontentare qualcuno a lavori socialmente utili (utili agli onorevoli di turno).Adesso ci lamentiamo, però l’unica riflessione che sanno pensare i nostri cari amministratori è se dare la cittadinanza onoraria ad una extracomunitaria.

  4. alcamonondorme ha detto:

    Charles Baudelaire ha scritto: “L’astuzia più perfetta del Demonio consiste nel persuaderci che egli non esiste”. Parafrasando questa frase dico che la MAFIA adotta la stessa tattica. Meno si parla di MAFIA piu’ si e’ portati a pensare che ce ne siamo liberati…ma non e’ cosi…assolutamente, anzi e’ vero tutto il contrario…il controllo dell’economia (commercio, edilizia, agricoltura,) nel nostro territorio rimane asfissiante…e la politica? Dorme….alla grande!!!! O forse fa finta di dormire…assecondando sempre i voleri del Capo di turno!

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>