Balestrate ricorda l’appuntato Bommarito– (foto)

Pubblicato: venerdì, 14 giugno 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

BALESTRATE - Si è svolta ieri pomeriggio la cerimonia per la ricorrenza del 30° anniversario dell'uccisione dell'appuntato Giuseppe Bommarito, ucciso assieme al Capitano D'Aleo e al carabiniere Pietro Morici.

A celebrare la messa Don Ciotti, presidente di Libera che durante l'omelia ha affermato: "E' necessario unire le forze delle persone oneste, facendole diventare una sola grande forza di cambiamento. Non possiamo essere cittadini ad intermittenza: non basta commuoverci, ma dobbiamo muoverci di più e tutti". "Dobbiamo imparare a decidere da che parte stare - continua -, senza mai scendere a compromessi".

A conclusione della funzione un corteo è partito da Piazza Rettore Evola per raggiungere la stele commemorativa intitolata a Bommarito. Presenti al corteo anche i diversi sindaci del comprensorio.

"E' necessario che tutti cresciamo, sia moralmente che civilmente - ha affermato il sindaco di Balestrate Salvatore Milazzo durante il suo intervento dinanzi la stele - per sconfiggere per davvero la mafia. Un forte no alla mafia, un si alla scuola, alla cittadinanza, ai ragazzi, a tutto ciò che davvero può far paura a questa organizzazione criminale".

"Bommarito rappresenta un pezzo della storia dell'arma - ha invece affermato il Prof. Nando Dalla Chiesa - rimanendo in servizio anche dopo l'uccisione del capitano Basile, di cui lui era l'autista. Ha continuato il suo lavoro, pur sapendo che anche la sua vicinanza a D'Aleo l'avrebbe portato a correre innumerevoli rischi". "Non dobbiamo pensare che queste persone sono morte per  fare il loro lavoro - continua Dalla Chiesa -, loro sono morte perchè altre persone non facevano il loro lavoro".

Ultimo intervento quello del Dr. Giuseppe Todaro Presidente dell'Associazione Libero Futuro: "Sono un imprenditore che ha denunciato i suoi estorsori e che ora, attraverso l'associazione cerca di fare lo stesso con altri che si trovano nella mia precendente condizione. Quando ho deciso di denunciare l'ho fatto soprattutto per i miei figli, mi vergognavo a dover dire loro che gli avevo dato la possibilità di studiare, di imparare l'inglese ma non gli avevo insegnato come si fa a contrastare la mafia".

Letto 2151 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>