Palermo, “Waterfront”: idee per la riqualificazione della costa

Pubblicato: giovedì, 6 giugno 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

PALERMO - Palermo è una  città che vive un rapporto conflittuale con la propria costa, tuttavia non mancano  progetti di riqualificazione proposti anche dai più giovani. Lo scorso 4 Giugno oltre un centinaio di studenti hanno preso parte al workshop “Waterfront: Idee per il mare e per la costa. La riqualificazione della città vista da esperti e studenti”, svoltosi nell’auditorium del liceo scientifico “Galieo Galilei” di Palermo. Nel corso dell'incontro gli studenti hanno assistito ad una breve anteprima del lungometraggio “La spiaggia fantasma” del regista Emilio Orofino, a uno sketch dell’attore palermitano Ernesto Maria Ponte, inoltre gli stessi alunni si sono confrontati con alcuni esperti dell’Università e della Provincia regionale e, alla fine del workshop, hanno contribuito con le loro idee, compilando uno specifico questionario sul tema di grande attualità della riqualificazione dei Waterfront siciliani, in particolare quelli di Trapani e Palermo.

Bartolo Di Salvo, assessore ai Fondi Comunitari della Provincia Regionale di Palermo, ha introdotto i lavori ed ha affermato: " Il mare può essere un motore di crescita e di sviluppo economico e diventare fonte occupazionale, il limite in questi anni probabilmente è stato quello di non riuscire a spendere le risorse europee». Le principali metropoli del vecchio continente stanno vivendo il progetto Waterfront, con la definizione di indirizzi, strategie e strumenti operativi comuni per armonizzare lo sviluppo dei tratti costieri. Daniele Ronsivalle dell’Università di Palermo ha illustrato ai ragazzi le principali realtà europee di Waterfront (da Barcellona a Valencia, da Genova ad Amsterdam, da Rotterdam a Malmoe), in cui il paesaggio costiero e quello urbano sono stati integrati in modo virtuoso, conciliando estetica, funzionalità e vivibilità del mare non balneabile. Sebastiano Provenzano ha infine mostrato agli studenti del liceo “Galileo Galilei” le idee per il piano regolatore portuale ed il progetto di riqualificazione della Cala, curata assieme a un altro architetto Giulia Argiroffi. «Il lungomare di Palermo c’è – ha spiegato – ma non si vede. Il mare sembra quasi un incidente geografico, ma ci sono tanti spazi di cui riappropriarsi, facendo convivere le attività portuali con quelle urbane, in luoghi condivisi e fruibili, senza barriere e senza recinti».
Letto 595 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>