Scomode alleanze

Pubblicato: giovedì, 16 maggio 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Tra le file del pdl, tornato ad essere un partito forte, troviamo un politico trapanese altrettanto forte, che nelle ultime elezioni è stato rieletto Senatore: Tonino D’Alì. Lo scorso aprile è stato mandato a Bruxelles per rappresentare il Parlamento italiano in seno all’Apem, l’Assemblea Parlamentare Euro Mediterranea. Oggi invece è stato designato Capogruppo della V Commissione permanente Bilancio e Programmazione Economica. Nominato dal capogruppo del partito al Senato Renato Schifani. Schifani recentemente definito da Totò Riina “una mente”. Certamente bisogna essere una mente per nominarlo Capogruppo della V Commissione permanente Bilancio e Programmazione Economica. Bisogna anche essere una mente per mandarlo a rappresentare l’Italia in Europa.

Tonino D’Alì attualmente è imputato per concorso esterno in associazione mafiosa, in quanto secondo l’accusa, avrebbe intrattenuto a partire dagli novanta rapporti diretti o mediati con elementi di spicco di Cosa Nostra tra cui il boss latitante Matteo Messina Denaro e con suo padre Francesco Messina Denaro. D’Alì ha sempre negato qualunque coinvolgimento ma resta il fatto che il suo nome compare in molte vicende legate al territorio trapanese e non solo.

Il suo nome compare anche nella vicenda del porto di Castellammare. Infatti sembrerebbe che abbia intrattenuti rapporti con l’ex Sindaco di Valderice Camillo Iovino e l’imprenditore Tommaso Coppola per garantirgli le forniture di cemento. Proprio per questo motivo il Comune di Castellammare del Golfo è l’unico ente locale ad essersi costituito parte civile al processo contro di lui. Lo stesso D’Alì che oggi si presenta a Castellammare (con l’allegra compagnia di Mimmo Turano) per appoggiare il candidato pdl Pietro Russo. È difficile da immaginare come sia possibile che una persona imputata per concorso esterno, quando era sottosegretario all’interno e ritenuto vicino ai Messina Denaro, possa trovare il coraggio di presentarsi in un paese che grazie all’attuale amministrazione comunale si trova schierato parte civile nel processo contro di lui. Sarà difficile da immaginare per molti ma è tutto reale.

Forse una spiegazione si può trovare facendo qualche passo indietro. Tornando alle elezioni regionali dello scorso ottobre. L’attuale candidato alla poltrona di Sindaco Russo doveva essere tra i candidati del pdl. Ma qualcosa andò storto. Il Pdl trapanese decise di puntare su un altro candidato. Così Russo portò i voti all’amico Mimmo Turano. Infatti l’Onorevole Turano è stato eletto grazie ai tantissimi voti castellammaresi, tutti provenienti dal centrodestra che non avendo il suo candidato decise di votare e sostenere Turano. Oggi infatti Turano sostiene Russo per le elezioni amministrative di giugno insieme a Tonino D’Alì.

Letto 629 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>