Scala potrebbe lasciare la politica

Pubblicato: lunedì, 18 marzo 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO - Secondo quanto riportato nell'ultimo numero del settimanale Social, l'ex- Sindaco di Alcamo Giacomo Scala potrebbe lasciare la politica e dedicarsi al suo lavoro. Il Presidente dell'Anci Sicilia, dopo essere stato bocciato dagli elettori alle ultime consultazioni regionali e la condanna in primo grado per abuso d'ufficio e falso, sembra poter chiudere definitivamente la sua carriera politica uscendo dalla scena locale.

Infatti, negli ultimi anni, il clima politico della Città di Alcamo è diventanto rovente. Toni aspri si sono sollevati dalla cittadinanza nei confronti della gestione politica di Scala e dell' ex-Senatore Nino Papania, senza risparmiare nessuno del loro entourage.

Questo capitolo potrebbe essere definitivamente chiuso e sono in molti i cittadini a chiedersi quali saranno le sorti per il futuro della propria città.

Una eredità politica difficile che si riverserà sul Sindaco Sebastiano Bonventre e sulle sue capacità di ricucire i rapporti di dialogo e confronto nell' interesse collettivo della cittadinanza.

Letto 499 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Gimmi ha detto:

    Ma mica e una scelta sua, sono stati i cittatini che hanno voltato pagina con questa classe politica, e spero che tutti gli altri superstiti del pd Alcamese al più presto si tolgano dalle scatole.(ps scusate ma quale sarebbe il suo lavoro?)

  2. alessandro ha detto:

    Di solito le dimissioni si presentano non si annunciano

  3. bah! ha detto:

    Indipendententemente dal fatto che ci sarebbe da vedere se, con la condanna ricevuta, può tornare a lavorare alla regione (o meglio allo SCICA) o se c’è l’interdizione ai pubblici ufficio, la cosa che mi chiedo è perchè non fare una bella indagine patrimoniale e capire meglio come si è evoluto il patrimonio suo e dei suoi più vicini familiari.

  4. Luce ha detto:

    A breve pronto il pigiamino con il numero cucito sul petto….

  5. Antonio F. ha detto:

    Sarebbe la notizia più bella da venti anni a questa parte e come ama dire Grasso “si comincerebbe a respirare aria pulita”, e se accompagnato da tutta la squadra sarebbe notizia celestiale.
    Ma intanto sembra proprio che dobbiamo assistere alla barzelletta del quanto fisserà la cifra da richiedere al soggetto, per il recupero delle spese ed al danno all’immagine al comune di cui all’ultima sentenza, il suo degno compare, tranne che il sindaco riesca a staccarsi dal cordone ombelicale riuscendo ad imporre decisioni in tutta autonomia ossia finalmente a comportarsi da sindaco (Coraggio che deve esserci sempre una prima volta).

  6. alcamonondorme ha detto:

    …chi fà del male….riceve male.

  7. Elio ha detto:

    Che grave lutto per Alcamo! Per favore non farlo …. continua a deliziarci con la tua presenza, …. e poi …. poi si aggraverebbe la crisi, dovremmo mettere a riposo giudici ed avvocati con gravi perdite di posti di lavoro. …..Per favore ripensaci.

  8. disperata ha detto:

    sono dìaccordo con antonio F………. chi male semina… male raccoglie!!!!!!

  9. Cittadino1 ha detto:

    Non ci mancheranno e NON ESISTE NEMMENO UN CITTADINO a chiedersi quali saranno le sorti per il futuro della Città di Alcamo senza di loro. Cum laetitia magna, bonum requiem.

  10. ill cittadino che si è rotto ha detto:

    “Giacomo Scala potrebbe lasciare la politica”
    Cos’è una minaccia?

  11. Max ha detto:

    Mi dispiace dirlo….ma Giacomino Scala è stato il peggiore Sindaco della Cittá di Ciullo. Un Sindaco che non ha mai amato la sua città ….ma ha curato solo i suoi molteplici interessi personali. Mi auguro per Lui che possa ritornare al suo lavoro alla regione….e bene gli finisce….!!!!

  12. Vincenzo ha detto:

    È non ci dimentichiamo quante persone ha illuso con la promessa di stabilizzazione,,, e chiaro che facevano comodo i serbatoi di voto.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>