“Top of the popes”: l’idea di alcuni palermitani di votare il prossimo Papa online

Pubblicato: sabato, 9 marzo 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

PALERMO. Il prossimo 12 marzo si aprirà il conclave per decidere il prossimo Papa. Sarano 115 i cardinali che voteranno per l'elezione ma esistono già una ventina di "papabili". Come ormai accade per moltissime altre scelte anche il popolo di internet ha diritto a dire la propria, benchè in questo caso questo non influisca sulla decisione finale.

Partendo da tali presupposti i ragazzi dell'associazione no-profit Push hanno ideato "Top of the Popes", un fine settimana di lavoro ha permesso di creare un test che chiunque può fare rispondendo a semplici domande che riguardano le caratteristiche che il prossimo Papa dovrebbe avere secondo l'utente.

25 sono i prescelti che potrebbero essere più accreditati di altri. I ragazzi di push hanno una grande passione per la rete e le startup e si stanno già occupando di TraffiCo2, un progetto del Miur, che li vede coinvolti con le loro diverse professionalità (architetti, ingegneri, designer, media editor).

Proprio durante le riunioni di lavoro è partita l'idea di una startup più frivola ma non meno ambiziosa, il progetto sarà infatti lanciato su tutti i blog siciliani, nazionali e internazionali.

Tra gli ideatori Salvatore di Dio, ventinovenne palermitano appena rientrato da studi di perfezionamento a Boston, ma anche diversi alcamesi: Roberto e Mauro Filippi e Agostino Messana.

Il test funziona con 5 domande a risposta multipla che servono a fare la cernita tra i 25, una volta giunti al papabile si può supportare ed adottare condividendolo sui social.

Il voto si è aperto ieri su questo sito, sullo stesso potrete vedere la classifica dei più votati. Push ha anche un account twitter.

Letto 556 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>