“Pigmeo tra i pigmei” presentato il libro di padre Pierre Lombardo

Pubblicato: sabato, 2 marzo 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

CASTELLAMMARE- Presentato ieri presso l’hotel Al Madarig di Castellammare del Golfo il libro del padre missionario Pierre Lombardo, organizzato dal Rotary Club distretto Castellammare Calatafimi-Segesta presieduto da Antonio Fundarò. Pierre Lombardo, alcamese, da più di quarantanni vive in Africa tra i pigmei. “Pigmeo tra i pigmei” non solo identifica la sua persona ma è anche il titolo del suo libro edito dalla casa editrice Ernesto Di Lorenzo editore. Alla presentazione erano presenti Antonio Fundarò, l’editore Ernesto Di Lorenzo e padre Pierre Lombardo. Fundarò descrive brevemente la vita di padre Lombardo e dei suoi meticolosi studi sui Pigmei, dei tanti viaggi nelle foreste del Congo e delle tante vicende umane che lo legano in maniera diretta con questa strepitosa popolazione. Ernesto Di Lorenzo parla del libro come un grande strumento antropologico. Il libro è nello stesso tempo un racconto autobiografico, una raccolta fotografica e uno studio antropologico sulla popolazione africana. Racconta quarantanni di vita passata a studiare i pigmei, raccontando la caccia, la pesca, le danze, la vita sociale, tutto con grande precisione. In poche parole racconta una vita vissuta sulla propria pelle. La vita dello stesso Pierre fin dai primi anni non è stata facile, dalla perdita del padre, alla vocazione fino alla scelta di vivere come missionario in Congo. Dal 1969 cura il trimestrale Filo diretto, a distribuzione gratuita, per documentare l'attività svolta in Africa, promuovere il programma delle adozioni a distanza, divulgare i principi di solidarietà internazionale e i diritti dei popoli autoctoni. “Un missionario deve essere prima di tutto un antropologo”. Sono parole che usa lui stesso per descrivere quello che racconta e che vive al fianco del popolo pigmeo. Nei suoi racconti, padre Lombardo, parla della guerra, delle malattie, soprattutto della malaria di cui è stato testimone in prima persone rischiando addirittura la vita. Come sottolinea Ernesto Di Lorenzo:“Pigmeo tra i pigmei è sicuramente un libro sulle cose fatte e sulle cose da fare.” Per anni il popolo pigmeo è stato un popolo di chiavi, identificati come “bestioline della foresta”. Lui è riuscito a far diventare il popolo pigmeo protagonista del proprio sviluppo. Proprio per questo motivo quando torna in Italia si sente un estraneo. Un estraneo in casa propria. Solo in Africa si sente davvero in famiglia e proprio per questo motivo si ritiene “ultimo tra gli ultimi, Pigmeo tra i pigmei”.
Letto 40454 volte.
1 Commento
Dì la tua
  1. Il Cittadino Attivo ha detto:

    È MERITORIO E LODEVOLE L’IMPEGNO DEL PRESIDENTE ANTONIO FUNDARO’…. COMPLIMENTI!!!!

    Allo stesso modo, sarebbe cosa buona ed utile conoscere quale azione utile per i Pigmei, in concreto, possano possa derivare dall’impegno e generosita’ di tanti uomini e donne di buona volontà….

    Non vorremmo accorgerci, un giorno, che tali “piccoli” gesti siano stati tanto poco determinanti…. Mentre la gente continua a morire di fame!!!

    IN OGNI CASO, MEGLIO FARE POCO E BENE CHE NON FARE NULLA!!!

    DUNQUE COMPLIMENTI VIVISSIMI AL PRESIDENTE E AI SOCI DEL ROTARY CLUB DI CASTELLAMMARE!!!!

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>