Giorno della memoria “27 Gennaio”

Pubblicato: sabato, 26 gennaio 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

TRAPANI. Da anni ormai il 27 Gennaio è il giorno della memoria: per non dimenticare gli orribili crimini commessi contro uomini inermi, il cui solo torto era di essere ebrei. Il presidente del consiglio provinciale di Trapani, Peppe Poma, parlando a nome dell’intero Consiglio, auspica che nessuno dimentichi mai che “il campo di sterminio è il fatto più drammatico, più incredibile, più tragico che l'uomo possa vivere, è un allontanamento progressivo dalla vita, è la distruzione interiore dell'uomo”. "E’ giusto ed anche necessario ribadire con forza, grazie anche alle parole e ai ricordi delle vittime dirette di tali atrocità (nel caso specifico Nedo Fiano, uno dei più noti sopravvissuti al lager di Auschwitz ) il grande valore dell’impegno per mantenere sempre viva la “Memoria dell’Olocausto”, perché la Shoah è un genocidio, ovvero una inammissibile e ingiustificabile azione criminale che, attraverso un complesso e preordinato insieme di azioni, è finalizzata alla distruzione di un gruppo etnico, nazionale, razziale o religioso": queste le parole di Poma parlando del giorno della memoria. Purtroppo ancora oggi, nonostante ci si occupi dell'argomento in tanti settori, TV, carta stampata, dibattiti e quant'altro, non si può non rimanere negativamente colpiti dal fatto che tantissime persone non sanno cosa sia la Shoah, e tra questi tanti giovani che frequentano le Scuole superiori e addirittura l’Università. L'impegno di tutti deve essere dunque quello di ricordare, con i propri mezzi, anche solo incitando i figli a vedere un documentario conoscitivo, perchè nel mondo non abbiano più a ripetersi queste vergogne ai danni dell'uomo.

Letto 326 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>