Alcamo: Ylenia Settipani e la nuova generazione che amministra la città

Pubblicato: venerdì, 25 gennaio 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Tra tecnici e tecnicismi al Comune di Alcamo (provincia di Trapani) una giovanissima ragazza, otto mesi fa, viene nominata Assessore alle politiche sociali e giovanili. Lei è Ylenia Settipani, per alcuni anche Francesca (suo secondo nome), laureata in lingue e traduzione e da sempre impegnata nell'ambito sociale. Amante della pedalata, tra volontariato e professione, Ylenia, sordastra dalla nascita, ha da sempre portato avanti battaglie a tutela dei sordi e dello sviluppo della mobilità sostenibile.

Assessore, o come preferisce essere chiamata, come sono stati i primi mesi del suo incarico? Può chiamarmi Ylenia (ride...). L'esperienza all'interno della giunta e dell'assessorato ogni giorno, e fin dall’inizio, mi concede tanti nuovi stimoli che bilanciano le numerose difficoltà che mi sono trovata ad affrontare sin all'inizio. Tutta l'amministrazione in realtà si è ritrovata nella stessa situazione, e in particolar modo, io che vivo nel sociale, ho riscontrato notevoli problemi causati anche dalla crisi socio-economica che ha letteralmente “impoverito” la nostra nazione e quindi in cascata anche il nostro comune.

Si aspettava una situazione così difficile? Immaginavo le difficoltà, ma non mi aspettavo l'elevato numero di emergenze che abbiamo affrontato. Specialmente all’inizio è stata molto dura visto che non avevamo le risorse necessarie. Certo anche adesso la situazione non è rosea ed i problemi continuano a crescere.

Quali sono le novità che ha introdotto da quando è in carica? Già il fatto che una Sordastra di natura, ma sorda di cultura, sia assessore è di per se una novità. Ho avvicinato la cultura sorda all'attività amministrativa e politica della città, dimostrando che le disabilità non costituiscono un tabù, una privazione, una cosa di cui vergognarsi, ma una semplice diversità: modi di vivere, parlare e sorridere diversi. Restando sui fatti ho avviato una serie di iniziative che ritengo molto utili alla collettività. In estate per fronteggiare l’emergenza caldo, ad esempio, ho fatto attivare un numero di emergenza destinato ai sordi. Abbiamo istituito un tavolo di concertazione con il Sert per la prevenzione delle dipendenze e mi sono impegnata in prima persona con l'Assessorato Regionale alla Famiglia per supportare il progetto di “vita indipendente” dei disabili, e l'abbattimento delle barriere architettoniche. Inoltre, abbiamo avviato tutti i progetti previsti dalla Legge 328/2000, che in totale sono 7. Presto avvieremo la Consulta Giovanile, che dal 2008 non è più attiva ed in più penso ad una Consulta delle DiversAbilità. Con loro spero di fare passi importanti.

E per il futuro? Ammiro molto le grandi realtà europee ed il mio sogno nel cassetto è avvicinare sempre di più Alcamo alle grandi capitali d’Europa. Impegnerò tutto il mio tempo affinchè questo accada e penso di aver intrapreso la giusta via per raggiungere questo obiettivo. Alcamo sarà una città per tutti.

Lei è “sordastra”, la disabilità ha influito nelle sue scelte di vita e professionali? Inizialmente la sordità è stata sicuramente un problema, in alcuni casi provavo anche vergogna, ho imparato ad amare ciò che ero e devo moltissimo alla comunità sorda italiana. Ho studiato anche la lingua dei segni e adesso vivo a testa alta, non mi fermo più. Ho imparato a cucire il mondo sulla mia persona e non il contrario. I Sordi soffrono il pregiudizio del limite verbale, si pensa che non siano in grado di capire ed interpretare la lingua parlata, molti invece (oralisti), hanno la capacità di leggere il labiale ed anche di parlare. I segnanti invece, principalmente sordi profondi, comunicano maggiormente in lingua dei segni.

Restano comunque le difficoltà nella percezione del mondo esterno. Mi permetta di aggiungere una cosa importante alla sua intervista: i sordi sono Sordi e non "non udenti".

Si sente di fare un appello alla politica? Credo che le ultime consultazioni siano state molto significative, i tempi sono cambiati e pare chiaro che certi modi di intendere la politica siano ormai obsoleti. “I vecchi della politica” devono arrendersi al cambiamento e concedere ai giovani, ai diversi, la possibilità di dimostrare il proprio valore. In più mi sento di fare un invito che ritengo fondamentale: incrementare gli investimenti sull'istruzione e sul welfare. L’Italia merita una classe politica lungimirante e responsabile.

Vede un suo futuro politico o continuerà a considerarsi un tecnico? Politico nell’accezione più comune è colui che si occupa della polis, cioè della città. Quindi penso di potermi considerare un politico. Mi è stato chiesto, visto il mio curriculum, un impegno “tecnico”. Quindi al momento posso sicuramente dire d’essere un tecno-politico (ride...).

di William Galt

Letto 1013 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Gimmi ha detto:

    Una ragazza capace, al posto giusto. I cittadino sono pronti al cambiamento della classe politica

  2. GASPARE ha detto:

    IspIra tenerezza.
    Auguri acchè possa continuare senza inquinamenti.

  3. Interesse pubblico e sociale ha detto:

    …(Ride) Ma che intervista è?? Ok, e a parte i disabili??? Tutte queste belle iniziative per i giovani dove sono?? 8 mesi spesi a creare cosa?? Sarà sicuramente una ragazza in gamba, ma le suggerirei di aprire una onlus per la passione e l’affezione che dimostra verso i disabili….a me pare il solito politichese del “faremo questo e faremo quello”…..tanto poi per via della crisi e della mancanza di fondi non si conclude mai nulla….e passano le giunte e passano gli anni….non c’è peggior vecchio del giovane che si muove, cammina e corre con la mentalità del vecchio…

    • Carter Jimmy ha detto:

      Caro interesse pubblico mi pare che le premesse ci siano. Se un assessore alle politiche sociali non si occupa di disabili di cos’altro deve interessarsi? Anziché scrivere commenti a caso perché non si informa.

      • Interesse pubblico e partecipazione ha detto:

        1)Ho letto l’articolo (quindi mi sono “informato”) prima di commentare…
        2)Non ho mai detto che non deve occuparsi si disabilità, anzi la sostengo…
        3)Con la sua risposta di getto non dimostra altro che non aver colto affatto il senso del mio commento…impari a “leggere” anche la realtà dei fatti…

    • Alex ha detto:

      effettivamente ……mi ha dato la stessa impressione!!! Come dire fumo abbondante e arrosto razionato!!!!

  4. Elio ha detto:

    Concordo con il sig. Gaspare che questa ragazzina ispira tenerezza … ma la Fornero piangeva e si apprestava a pugnalare gli italiani, questa Settipani ….ride . …. ma cosa ci dobbiamo aspettare? …. il ridere o piangere sarà un fenomeno di costume?
    una cosa è certa che in otto mesi non hanno fatto altro che chiacchiere e “tabaccheri di lignu”, speriamo che nell’imminente futuro si presentino con fatti concreti.

  5. osservatore ha detto:

    Chi sono i giovani della politica? Da tecnico è già diventata un politico con un FIAT! Mi compiaccio veramente per Lei e mi rallegro. Ma la città è in un totale abbandono. I cittadini alcamesi ancora, dopo un anno dalle elezioni, non hanno capito da chi sono amministrati. Buon lavoro!!!!

  6. Carter Jimmy ha detto:

    E’ imbarazzante creare polemiche su di un assessore in carica da 8 mesi e che ha messo in piazz tutta se stessa.
    Forza ylenia, vai avanti cosi’

  7. Gaspare ha detto:

    Il sig. Jimmy Carter sarà della famiglia e cerca di fare apparire grande ciò che di fatto non è.
    Questo assessore ritengo sia solo la faccia pulita che fa da paravento e concordo con “l’osservatore” sul fatto che gli alcamesi ancora non sanno da chi sono amministrati.
    Vedremo presto cosa succederà nell’imminente rimpasto in giunta di cui si parla nelle segreterie politiche nella speranza che chi si appresta ad amministrare lo faccia alla luce del sole e non da dietro le quinte come è successo fino al 18 gennaio 2013.
    Speriamo bene perchè Alcamo meriterebbe molto di più.

  8. Il Cittadino Attivo ha detto:

    “DURA LEX, SED LEX!!!”

    Brava, Assessora Settipani…. Ottime lista di buoni propositi!

    Ricordiamo a tutti che i CONTI si fanno SEMPRE a fine esercizio: quindi aspettiamo lo scadere della Sindacatura BONVENTRE I eppoi vedremo (ride)!!!

    Nel frattempo: NON TI CURAR DI LORO, MA GUARDA E PASSA!!!

  9. alcamonondorme ha detto:

    ,,,chissà quanto durerà….in carica….ricordo ai più la “VECCHIA TATTICA” dei SOLITI NOTI….mettere facce pulite per il primo giro (primo anno) per poi “entrare a gamba tesa” con i soliti “mostri”…..mah….si vedrà!!!

  10. Giangiacomono Gradino ha detto:

    La vita e’ fatta a scale c’e’ chi scende e c’e’ chi sale.
    Alcamo non dorme ma riesce a non prendere pesci, e continuando con questo spirito avvelenato non peschera’ mai nulla di buono. Caro commentatore porta qualche buona proposta anzicche’ sparare a zero

  11. Francesca ha detto:

    Sig. “Cittadino attivo” Si è chiesto chi uscirà dalla giunta per fare posto alle “NUOVE ENTRATE”?
    PERCHE’ PER FARE POSTO QUALCUNO DEVE NECESSARIAMENTE USCIRE in quanto non è più necessario tenere facce pulite; è arrivato il tempo dei famosi “marpioni”.
    Però, comunque vada, sono sinceramente dispiaciuto per la delusione che proverà chi ha votato Bonventre, per la squadra di assessori nominati, quando si renderà conto dell’imminente rimpasto, …. ma spero di sbagliarmi e che la squadra di Assessori continui ad operare un proficuo lavoro..

  12. Osservatore ha detto:

    Perchè la Settipani arriverà alla fine della sindacatura?? Ho qualche serio dubbio!!!

  13. Pasqualino Maraja ha detto:

    Ma quanti oracoli ci sono ad Alcamo? Tutti a profetizzare la durata degli incarichi…
    Me li date i numeri del superenalotto?

    “per quella candida vecchia contessa
    che non si muove più dal mio letto
    per estirparmi l’insana promessa
    di riservarle i miei numeri al lotto”

  14. alcamonondorme ha detto:

    Pasqualino e Giangi…non è questione di oracoli….o veleni…basta vedere cosa è successo negli ultimi anni…noi tutti confidiamo in una inversione di tendenza da parte del nuovo sindaco…sperando che i SOLITI NOTI una volta e per tutte si ritirino.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>