Mostra di Gaetano Porcasi ad Alcamo

Pubblicato: mercoledì, 16 gennaio 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. Si inaugura ad Alcamo il 26 Gennaio alle ore 10.00 presso il Collegio dei Gesuiti la mostra del pittore Gaetano Porcasi dal titolo :"L'Italia delle stragi"rimarrà visitabile fino al 26 giugno 2013;la mostra è patrocinata dal comune di Alcamo, dalla regione Sicilia e dalla provincia di Perugia. Saranno presenti all'inaugurazione: il Presidente della regione R.Crocetta, il provveditore agli studi di Trapani R.Leone, il sindaco di Alcamo S.Bonventre. Dopo l'inaugurazione seguirà un convegno sullo stragismo in Italia presso la sala Marconi. In un escursus storico che va dal 1860 al 2012 si ripercorre la storia d'Italia attraverso la pittura di G.Porcasi che molti alcamesi già conoscono per essere stato presente a tutte le edizioni di Alcart e per il suo noto impegno antimafia, egli stesso si definisce "pittore antimafia".Cura il catalogo della mostra Salvo Vitale, presidente dell'associazione P.Impastato. Con uno stile unico ed inimitabile G.Porcasi fa rivivere nelle sue tele episodi e personaggi che hanno segnato il tempo:stragi lontane e dei nostri giorni tutte rivisitate dal suo talento di pittore-storiografo. Con l'uso di colori spesso scintillanti sono messi in evidenza accadimenti che i libri di storia non sempre raccontano, ma che devono portare a "far memoria degli avvenimenti",citando le parole del sindaco. Battaglie sindacali e stragi mafiose si accavallano fino ad un passato molto presente, ed un particolare momento è dedicato ad Alcamo con un quadro inedito che ritrae i carabinieri periti nella casermetta di Alcamo marina in un oscuro episodio mai del tutto chiarito, in un intreccio di mafia e politica che da sempre caratterizza le stragi italiane.

Letto 354 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>