L’ultima riga delle favole – Massimo Gramellini

Pubblicato: venerdì, 21 dicembre 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0
La promessa fatta dall'ultima riga delle favole ha illuso intere generazioni che comunque sia trovando l'anima gemella è d'obbligo il vissero felici e contenti finale. Poi se per trovarla basti un colpo di fortuna o un destino accondiscendente questo non ci è dato saperlo e in verità sembra non avere nemmeno importanza. Gramellini racconta il percorso di Tomas, disilluso e frustrato da una vita sempre uguale a se stessa e da amori ingannevoli e particolarmente beffardi. Un viaggio metaforico e un linguaggio piuttosto onirico per descrivere l'ascesa dal fondo di se stessi al ritrovamento di un cuore capace di amare, ma prima di tutto di amarsi. Non esiste alcun "felici e contenti" se non si è capaci di vincere le proprie paure e il proprio dolore, residui molto ingombranti di traumi antichi, così come non esiste alcuna possibilità di andare oltre il compiangersi se non vi è alcuna voglia di superare gli ostacoli creati dal tentativo di vivere barricati dietro difese folli. Un libro che sembra voler dare speranza e appare terapeutico per quanti hanno smarrito la voglia di uscire dalle proprie prigioni interiori.
Letto 542 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>