A che servono gli uomini

Pubblicato: giovedì, 6 dicembre 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

La Cooperativa Piccolo Teatro per la  XXX Rassegna della Prosa e dello Spettacolo, Venerdì 7 Dicembre 2012 alle ore 21.30, si è adoperata con intelligenza e grande sacrificio per portare in scena la commedia "A che servono gli uomini", con ROSA MIRANDA & CARMELO R. CANNAVO’. Questa è una commedia musicale di Iaia Fiastri (storica collaboratrice della famosa ditta “Garinei e Giovannini”) con musiche originali di Giorgio Gaber, la regia è a cura di CARMELO R. CANNAVO’.

La commedia offre ingredienti che sicuramente colpiranno il pubblico, tra questi le canzoni cantate dal vivo, le coreografie e scenografie da mozzafiato. Un misto di scene divertenti e toccanti che fanno del teatro ancora una volta quel mezzo di comunicazione artistica che ha incantato da sempre l'umanità.

Teodolinda, Teo per gli amici, una disegnatrice che è stufa del genere maschile, si definisce soddisfatta della sua vita, ma rimpiange di non aver mai avuto un figlio. Un giorno scopre che il suo vicino di casa (un imbranato con le donne) lavora in un istituto di ricerche genetiche, dove tra l’altro si pratica l’inseminazione artificiale, così col pretesto di una visita all’istituto, Teo ruba la provetta numero 119, riuscendo a diventare madre senza avere i fastidi di un rapporto con l' altro sesso, che fino ad ora è riuscito solamente a darle delusioni. Una volta certa di essere incinta vuole sapere il nome del donatore, con un trucco riesce a scoprirlo e… sorpresa! Il suo uomo è Osvaldo”, siciliano quarantenne un po’ ignorante, belloccio, don Giovanni da strapazzo, “emigrato” a Roma perché vuole diventare famoso. Da questa scoperta si dipana una trama ben intessuta e arricchita di notazioni sociali contemporanee.
Letto 583 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>