Sebastiano Dara: il comune chiarisca sull’affidamento della rimozione alla ditta Seris

Pubblicato: giovedì, 8 novembre 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. Tra i vari punti dell'argomento principale del consiglio comunale di ieri, volto ad esaminare e approvare il consuntivo 2011, il consigliere Sebastiano Dara (Abc) ha sollevato una questione che andrà chiarita quanto prima.

Lo stesso, infatti, ha posto sotto l'attenzione del consiglio, chiedendo ulteriori delucidazioni agli addetti, l'insolito caso della ditta che si occupa di rimozione delle macchine in sosta vietata.

Nel 2009 si era aggiudicata l'appalto la ditta Pegaso, risultata poi insolvente nei confronti del comune delle somme dovute per il servizio svolto. Nel 2011 la convenzione è stata però rinnovata a Seris, ramo della ditta precedente, che ha conservato gli stessi dipendenti e gli stessi mezzi, continuando a svolgere il servizio per conto del comune. Acquisendo parte della precedente società, con crediti e debiti annessi, ha potuto usufruire della convenzione della prima e svolgerà il servizio fino al 2013.

Dara ha chiesto maggiori informazioni in merito, sottolineando la stranezza della questione, in quanto il comune che risulta ancora creditore dall'azienda, affida ad una costola della stessa lo stesso servizio anche se la legge considera inaffidabile l'azienda che non ha pagato.

Intervenuto sul caso l'assessore Massimo Fundarò ha spiegato di non conoscere la vicenda, ma che ottenute le dovute carte relazionerà al prossimo consiglio comunale.

L'avvocato Mistretta ha invece aggiunto che proprio nei giorni scorsi ha firmato il parere tecnico per il recupero del credito del comune e che il settore sta provvedendo alla rescissione del contratto della società. Intanto, però, dei due anni di convenzione la ditta ha usufruito di almeno uno.

Letto 502 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. alcamonondorme. ha detto:

    straordinario…l’assessore che non conosce l’argomento…e dire che sono anni che è seduto su quella poltrona…beh ma forse perchè forte di un altissimo numero di voti che riesce ad intercettare…ops…forse non ricordo!!!! ops…mi sa che mi sto confondendo….mah…un momemtin….ma di chi sto parlando?….NESSUNO…disse Ulisse al Ciclope…il mio nome è nessuno!

  2. Federico ha detto:

    è veramente un caso di cattiva amministrazione,
    in un contesto del genere un assessore quanto meno dovrebbe dimettersi!!!!!!!!!

    Ridare il servizio allo stesso “ramo d’azienda” che è stato peraltro insolvente con il Comune è un fatto di una gravità inaudita.

    La cosa fà ancora più arrabbiare perchè questa società a quanto pare si è appropriata del denaro dei cittadini alcamesi !!!!!!!!

    dimissioni indagine della procura e della corte dei conti immediatamente!!!!

    l’onestà non ha prezzo……

  3. francesco ha detto:

    Ma il tizio che era sempre sul carroattrezzi di questa ditta insolvente non è lo stesso tizio che poi è diventato bodyguard del Senatore Papaxxx??? ps: notare i punti interrogativi. E’ UNA DOMANDA.

    • peppe ha detto:

      Certo francè,lo sanno tutti al Alcamo secondo mè nn hai bisogno di porla come domanda….Alcamo è questa e da questo punto di vista fà schifo…lo sappiamo tutti…
      ciao francesco..

  4. FUNDARO VIA! ha detto:

    L’assessore al “Nero” Urbano e tante altre deleghe che non sa ma niente me lo spiegate perchè noi cittadini lo dobbiamo pagare? Vive sulle nostre spalle da anni ed è inutile a dir poco! Il sindaco dice che è discontinuo ma ad oggi non ho capito da cosa!

  5. bunga bunga ha detto:

    appropiazione indebita ci fù allora??!????!

  6. il cittadino che si è rotto ha detto:

    Vicenda comica, la responsabilità di questo danno erariale, così come sembra, è in parte della politica ed in massima parte dei dirigenti che sono quelli che stipulano i contratti, li sottoscrivono e ne curano l’esecuzione.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>