Caldarella insiste sull’acqua: o si risolve il problema o occuperò l’aula

Pubblicato: mercoledì, 12 settembre 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. Entrando nel vivo delle questioni non è difficile che gli animi si scaldino e che i toni si alzino. Questo accade in consiglio comunale con un crescendo, dall'inizio delle sedute a ieri, di questioni riguardanti i più svariati temi.

Nella seduta di ieri, ad esempio, per oltre un ora e mezza si è discusso di appena tre interrogazioni dei consiglieri senza entrare, prima della pausa, nel vivo delle votazioni.

Certo è comprensibile che toccando temi caldi come quello dell'acqua e degli innumerevoli problemi ad essa legati. La prima interrogazione di Ignazio Caldarella, risalente al mese di giugno, riguarda proprio delle delucidazioni circa lo stato dei lavori per garantire ai cittadini un erogazione più costante di quella attuale (5-7 giorni nel migliore dei casi). Alla giunta Caldarella propone di velocizzare i tempi affinchè si stanzino dei soldi per la ripulitura delle foci delle sorgenti e per un miglioramento delle condutture preposte per far giungere l'acqua dalle sorgenti ad Alcamo.

Caldarella sostiene, e cita più volte gli innumerevoli articoli e documenti che ha raccolto dal 1986 ad oggi, che le passate amministrazioni abbiano fatto veramente poco per risolvere il problema definitivamente, nonostante i soldi stanziati, e più volte hanno fatto credere ai cittadini che, invece, l'acqua potesse finalmente arrivare ogni giorno.

A tale interrogazione rispondono Perricone per iscritto, in quanto ancora assessora al momento della richiesta e Abbinanti, nuovo assessore agli impianti manutentivi. Sembra che Bonventre in persona si sia occupato, recandosi insieme agli assessori e parlando con organi compententi, dell'annosa questione dell'acqua e che l'impegno sia quello di far giungere entro Febbraio-Marzo l'approvvigionamento dalla sorgente di Monte Scuro (Castellammare del Golfo) affinchè la portata che attualmente risulta diminuita torni ad aumentare.

Letto 391 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. elio cordero ha detto:

    Complimenti, ha ricominciato alla grande, Lei soltanto capisce come mettere alle corde questa Amministrazione che non è altro che la longa manus della precedente amministrazione Scala.
    Resti vigile e buon lavoro.

  2. Il Cittadino Vigile ha detto:

    Grazie al consigliere Sig. Caldarella Ignazio !!!
    sei davvero x il bene comune,ad Alcamo ci vuole politici come lei che fai di tutto x risolvere i problemi di Alcamo…cioè uno dei tutti il problema dell’erogazione idrica…l’acqua arriva dopo 6/7 giorni x pochi ore !!!
    siamo stufi di aspettare…Politici di Alcamo svegliatevi !!!

  3. R.M. ha detto:

    Ed io la occuperò insieme a lui!!!!!

  4. alcamonondorme. ha detto:

    trenta anni che manca l’acqua ad Alcamo…ma chiedetevi se manca per davvero o si fà in modo che manchi….perchè gli arabi hanno fondato proprio quì la città denominata Adelkam…o Alqamah….perchè mai?
    chi gestisce le autobotti che vendono acqua? che giro di soldi c’è dietro questa attività lucrativa? cosa è stato fatto per ridurre le perdite d’acqua lungo le condutture in città? quali ditte sono state chiamate ad effettuare i lavori di riparazione e con quali procedure?
    a voi le controdeduzioni….

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>