Neyla- Kossi Kombla- Ebri

Pubblicato: venerdì, 7 settembre 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0
Di Flavia Vilardi

Romanzo di ritorno alle origini, Neyla è il perfetto connubio tra una travagliata storia d’amore e la descrizione di una nazione, di una civiltà, del suo popolo. Contrariamente a quanto ci si possa aspettare, questo racconto non presenta nelle sue pagine la banalità o l’ovvietà classiche di molti romanzi d’amore a sfondo storico-culturale.

L’autore descrive, con minuzia di particolari, il volto, i colori, la lingua e le tradizioni della sua terra, l’Africa, povera e insieme ricca di quella semplicità e di quel radicamento culturale che è proprio dei paesi più umili e che manca spesso al mondo occidentale. Al contempo Neyla ci racconta di due amanti, travolti da un’improvvisa passione, gelosi, disarmati e sfortunati allo stesso tempo.

La semplicità dello stile accarezza il lettore attraverso un approccio piacevole al testo e le sue parole attraversano i districati labirinti del cuore, come avvienenella poesia che l’autore dedica alla madre o negli stralci sentimentali che si estraniano dalla narrazione, dai luoghi e dai personaggi, pur rappresentandone in pieno le emozioni. Questo permette di penetrare nelle più recondite pieghe dell’anima degli amanti e di comprenderne a volte la gioia, a volte l’immensa tristezza, altre l’attaccamento alla famiglia e alla cultura, così da poter attribuire a Kossi Komla Ebri l’etichetta di poeta, oltre che di scrittore e romanziere.

Neyla, ragazza privata dei suoi sogni, rappresenta l’emblema di un’Africa disillusa e contaminata,un’Africa del passato, plasmata attraverso i vecchi ricordi del suo compagno che, tornato a casa dopo lunghi anni di studi in Europa descrive in prima persona gli sconvolgimenti emotivi del ritorno, il difficile riadattamento al suo retroterra culturale e la riscoperta di un’infanzia vulnerabile e sgretolata, spesso priva di affetti. Con un tocco di velata immaginazione si può accostare la nera Africa agli occhi tristi e profondi della ragazza, che rispecchiano un Paese intriso di  una storia antica, che però si rivela privo di quella purezza che il protagonista si prefiggeva di ritrovare, deludendone, o forse solo sconvolgendone, le aspettative.

Per questa ragione si può concordare con l’autore quando afferma: “Avrei voluto piangere a squarciagola sulle mie speranze nate e morte, abortite allo scadere del giorno, il tempo che una foglia marcisce al sole. Piangere sui miei ideali d’assoluto, sui miei ideali congelati… piangere sula mia coscienza mille volte violentata”.

Letto 408 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>