Prima nazionale de “La Mafia Normale”. Un progetto teatrale.

Pubblicato: venerdì, 1 giugno 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

TRAPANI - Si svolgerà lunedì 4 giugno, alle 21 al cine-teatro “Arlecchino”, la prima nazionale della rappresentazione teatrale “La Mafia Normale”, promossa dall’Associazione Antiracket e Antiusura di Trapani.

Il progetto mira a sensibilizzare i giovani e l’opinione pubblica su temi fondamentali e più che mai attuali, della legalità e della lotta alla sub-cultura mafiosa, attraverso il linguaggio teatrale.

L’evento, dedicato alla stampa, alle associazioni, alle autorità e alle istituzioni scolastiche, costituirà una preview per un’iniziativa che entrerà in una fase operativa a partire dal prossimo autunno, con un lavoro di  rappresentazione e azione negli istituti secondari della provincia di Trapani e non solo.

L’opera, scritta dal giornalista Marco Rizzo e diretta dal regista Piervittorio Demitry, impone una riflessione attenta su determinati atteggiamenti che, pur se percepiti come consuete e consolidate abitudini, rivelano invece i germi delle grandi illegalità e della loro passiva accettazione da parte di molti.

Quella rappresentata dagli attori Tiziana Ciotta, Marco Marcantonio, Michele Morfino e dalla giovanissima Lorena Ingarsia è un’opera teatrale di impatto, che scavalca i confini dell’immaginario lanciando un messaggio provocatorio e diretto che possa andare oltre le lezioni di legalità imposte “dall’alto”.

“La Mafia Normale” è una rappresentazione teatrale pensata per i giovani, affinché siano informati e sensibilizzati sempre e comunque e possano rivolgere uno sguardo consapevole sulla nostra realtà e su quanto certe pratiche criminali, che non sono diverse da quelle di stampo mafioso, siano ancora troppo diffuse e accettate nella nostra società.

Costruire in modo capillare una condivisa cultura della legalità, invitare le imprese a denunciare il racket, condannare l’atteggiamento di chi si nasconde o ignora determinate pratiche, questi gli obiettivi primari dell’Associazione Antiracket e Antiusura, che da sempre svolge un’opera di sensibilizzazione attraverso incontri-dibattito con esperti e testimonianze dirette di vittime dell’usura.

L’Associazione, oltre ad essere un osservatorio sulla legalità e costituirsi parte civile in molti processi penali pendenti nei confronti di imputati accusati di mafia ed estorsione, ha da tempo attivato il numero unico  0923 1858002 , attraverso il quale le vittime possono denunciare episodi di racket ed usura.

Letto 428 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>