Intimidazione procuratore Trapani: identificati gli autori

Pubblicato: venerdì, 25 maggio 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

PALERMO - Il  procuratore  di Trapani, Marcello  Viola,   e  i carabinieri della  sua  scorta, si sono  trovati al centro di un avvenimento  che  sa quasi dell'incredibile.  Il 19  aprile  scorso  una Audi che viaggiava da Palermo in direzione Trapani,  con  i  vetri semi-oscurati, li aveva  inseguiti a folle  velocità  per un  lungo  tratto di autostrada. Dopo diversi minuti di timore per quel che poteva succedere a quelle velocità, l'auto si è dileguata all'ingresso per Trapani. L'episodio era stato percepito   come  un  atto  intimidatorio, considerando che sul  tavolo del  procuratore Viola si trovano casi come quello di Matteo Messina Denaro o dell'allontanamento del  Vescovo di   Trapani. Tutti si erano stretti in  un abbraccio di solidarietà  al Procuratore per il grave atto intimidatorio. Ecco quello che aveva  detto il presidente della Commissione Ambiente del Senato, Antonio d’Alì: «Piena solidarietà al Procuratore di Trapani, Marcello Viola, per l’inquietante episodio di minaccia ed intimidazione di cui è stato vittima insieme agli uomini della sua scorta».   E ribadisce «al dottor Viola la mia personale vicinanza e quella dei trapanesi e dei siciliani onesti, certo che non si lascerà intimidire e che continuerà la sua attività professionale con il rigore e l’energia di sempre. Mi auguro che le indagini facciano al più presto luce piena su questo episodio che desta allarme e preoccupazione». E "la  luce" è stata  presto  fatta: i magistrati di Caltanissetta hanno identificato gli uomini che erano a bordo dell'Audi che, il 19 aprile scorso, ha inseguito a folle velocita' l'auto su cui viaggiavano il procuratore di Trapani Marcello Viola e i carabinieri della sua scorta. La notizia e' confermata dalla Procura. Gli uomini, che sono stati interrogati e non sono indagati, avrebbero ridimensionato l'episodio e dato una spiegazione sul loro comportamento: stavano recandosi in aeroporto e rischavano di perdere l'aereo. Resta alta la vigilanza sul magistrato.

Letto 368 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>