Il vino siciliano tra eccellenze e crisi nelle campagne

Pubblicato: martedì, 3 aprile 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

La Sicilia continua ad essere la terra delle contraddizioni. Mafia e antimafia, ma un altro campo ne testimonia altresì queste contraddizioni: il campo del "nettare degli dei", cioé il vino. Parlando con chi coltiva le terre, il settore vive una forte crisi e la lamentela principale è la mancanza di una politica agricola a livello locale, regionale e nazionale. Di contro, per esempio come ha testimoniato vinitaly,  alcune aziende siciliane che producono vino riescono a mettere in campo prodotti eccellenti e riconosciuti tali anche a livello internazionale. Questo dualismo della nostra terra di Sicilia purtroppo non le permette un salto di qualità.  L'esempio di tutto questo è sotto gli occhi: Alcamo ha tante eccellenze, ma queste non riescono a trascinare il tessuto economico alcamese in un percorso virtuoso. Siamo il paese del vino bianco per eccellenza, ma le nostre campagne sono poco attraenti per chi vuole investire. A tener duro sono quei contadini e proprietari terrieri che ancora vedono nella terra l'origine della vita e l'origine di quei frutti che sono essenziali per una vita salutare, originaria, che sviluppa una migliore coscienza della bellezza della vita, lontano dalla frenesia di cui è schiavo l'uomo contemporaneo. In più, può diventare fonte di ricchezza se ben amministrata e se ben supportata da politiche al passo con i tempi.

Letto 514 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Internauta ha detto:

    Finalmente anche l’informazione si accorge del dramma delle campagne. Continuate perché siamo non in crisi ma peggio

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>