Una nuova generazione nella politica alcamese

Pubblicato: lunedì, 2 aprile 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Viviamo tempi senza grandi slanci ideali, eppure va considerata l'idea, assolutamente attuale, di credere in una rinascita, anche in ambito locale, della politica, dei corpi intermedi, come i partiti e il sindacato. Lo scenario che abbiamo davanti, l'assillo della grande Crisi economica, impone ai cittadini di non arrendersi fatalisticamente, di non chiudersi in un individualismo autolesionistico. Il tempo dell'individualismo imperante è ormai finito, è caduto insieme al mito della crescita economica a tutti costi. Spetta alla nuova generazione la dura missione di rinnovare, senza demagogia e populismo, i partiti, di modificarli dall' interno, evitando roboanti rottamazioni. Il processo di cooptazione delle nuove leve non ha senso, se non è accompagnato da una strategia di coordinamento tra centro e periferia, tra la direzione centrale dei partiti e la gestione locale. I partiti privi della loro base politica e culturale, rischiano infatti di diventare meri cartelloni elettorali, incapaci di risolvere le grandi problematiche della società alcamese di oggi.

Letto 561 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Maniscalco ha detto:

    signor grillo non ti obbliga nessuno a leggerlo.se lei si reputa più capace ne faccia uno proprio

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>