Giacomo Scala: “Soluzioni per il personale precario dei comuni siciliani”

Pubblicato: giovedì, 22 marzo 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Il Presidente dell'Associazione dei comuni siciliani, Giacomo Scala, chiede un incontro immediato al Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, con l’obiettivo di trovare soluzioni per il personale precario dei comuni siciliani. L’ AnciSicilia sollecita un impegno congiunto della deputazione nazionale e del governo regionale in vista degli imminenti rinnovi contrattuali.

La nostra preoccupazione – spiega Giacomo Scala – è che questa situazione abbia pesanti ripercussioni sulla coesione sociale dell’Isola con conseguenze disastrose per l’attività amministrativa degli enti locali. Durante l’incontro con Lombardo – aggiunge Scala – presenteremo un nostro documento in cui esporremo le proposte e le soluzioni possibili elaborate dall’AnciSicilia per affrontare il problema. A questo punto ci aspettiamo che, a seconda delle competenze e delle responsabilità, sia il governo nazionale che il governo regionale si impegnino a raggiungere un punto fermo su una situazione diventata insostenibile. A questo proposito è altrettanto indispensabile la condivisione di tutte le sigle sindacali che, da sempre, dimostrano una grande sensibilità verso questo annoso problema”.

Secondo il Presidente dell'AnciSicilia: “I precari della regione Sicilia hanno svolto e continuano a svolgere un ruolo indispensabile per il corretto funzionamento degli enti locali. Sono una risorsa umana imprescindibile, una linfa vitale ed essenziale per il funzionamento degli uffici”. “L’AnciSicilia – conclude Giacomo Scala – ha già pronta una piattaforma da sottoporre al Parlamento regionale e nazionale, affinché la situazione dei precari abbia una risoluzione tale da garantire ai lavoratori siciliani un futuro stabile e certo a invarianza di spesa e di saldi di finanza pubblica. E’ necessario e indispensabile rivisitare la legge 24/10 al fine di permettere percorsi di stabilizzazione certi e di normalizzare le piante organiche di molti comuni che, contrariamente a quanto si crede,  risultano carenti del 40-50%”.
Letto 618 volte.
2 Commenti
Dì la tua
  1. Il cittadino che e' stanco di mantenere i ladri al comune!! ha detto:

    Bella cosa!!!ma peccato queste notizie escono solo in alcuni periodi…di elezioni amministrative???solito trucchetto e solito metodo!!!che schifo!!

  2. lanterne cinesi ha detto:

    Esattamente quello che cercavo. Terzo Lombardo

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>