Il futuro di Alcamo e l’antipolitica

Pubblicato: sabato, 17 marzo 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Si avvicinano le elezioni comunali di Alcamo, si tratta di una competizione elettorale molto importante per il futuro della città, in una fase storica caratterizzata dalla crisi economica, sono molti i settori economici  strategici  in difficoltà a partire dall' agricoltura fino alle aziende e tutto il mondo produttivo. Il sistema dei partiti deve urgentemente rifondarsi, in particolare i partiti che hanno una vocazione "sociale" devono ritrovare un progetto forte di cittadinanza, per rispondere anche allo spirito dell' antipolitica, che anima la formazione di innumerevoli liste, portatore di conformismo e qualunquismo, distanti dai bisogni veri  delle classi subalterne.

Letto 1500 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Adentistretti ha detto:

    Sto cercando di capire quali sono questi partiti con una vocazione sociale. Da indiscrezioni e notizie raccolte sulla formazione delle liste sembra si debba attenzionare maggiormente la persona con vocazione sociale, il problema è che se ti metti in lista e non scendi a compromessi con personaggi discussi e con la tua coscienza è certo che non verrai eletto. Pensierino: “La merda è sempre la stessa, cambiano solo le mosche”.

  2. educazione ha detto:

    condivido in toto il tuo pensiero, verrà scelto un professionista da teleguidare, cambia la musica ma non le parole.
    speriamo che tutti prendano coscienza della situazione e si rendano veramente conto chi sta dietro il candidato, prescelto all’interno di qualche segreteria politica e non scelto ad esempio con le primarie

    • educazione ha detto:

      se il professionista da candidare, sarà alla fine il sig, bonventre, credo che lo stesso, dovrà spiegare tante cose ai cittadini, tra le quali come mai è tesserato al pdl, notizie che ho appreso a palermo da alcuni colleghi.

  3. DG ha detto:

    A livello locale, in linea di principio, tutti i partiti dovrebbero avere una vocazione ‘sociale’ e/o pratica.
    Solo che, non è messa in evidenza.
    Come  a ogni elezione ad Alcamo regna un’atmosfera di eccitazione caotica e scombinata (bailamme, la definisce Culmone).
    Ma è chiaro: Le informazioni che giungono ai cittadini in forma ufficiale, ma soprattutto ufficiosa (chiacchiere in piazza, al bar,al supermercato, su Facebook….), dicono tutto e il contrario di tutto… Per cui alla gente ‘normale’ la situazione reale appare troppo fluida (e magari lo è davvero!). Ma come dice Machiavelli, ‘dove men si sa, più si sospetta’… Aggiungiamo poi che in quanto siciliani siamo giustamente o ingiustamente  sospettosi per ragioni storiche… E il gioco è fatto!
    In breve, noi cittadini (non ‘classi subalterne’, per favore: non solo sa di stantio, ma implica anche una passività che in realtà non abbiamo) dai nostri politici vorremmo informazioni più costruttive, più dirette e più chiare e, possibilmente, associate a programmi altrettanto chiari e specifici condivisi all’interno del proprio gruppo. Vorremmo meno contrapposizioni fra i partiti e più disponibilità a discutere e negoziare il modo migliore per identificare obbiettivi raggiungibili.
    In fin dei conti, Alcamo è ‘nostra’ e vi stiamo delegando a gestirla, anche in relazione a gente che la pensa in maniera diversa rispetto a voi.

     Breve parabola secolare:
    Il proprietario  (cittadini) di un ristorante (Alcamo) dopo un colloquio (elezioni) assume del personale (consiglieri di varia estrazione politica, sindaco, ecc). I cuochi sono bravi, così come lo sono i camerieri e la gente alla cassa, per carità. Ma hanno ruoli e punti di vista diversi e, incapaci di assumere una prospettiva d’insieme, lavorano bene come singoli ma non come team. Per cui, la pasta è cotta bene, ma arriva fredda; la bistecca di vitello è pronta ma il cliente voleva bistecca di pescespada …e tante altre piccole disfunzioni legate alla mancanza di visione d’insieme che portano il ristorante alla deriva! 

    Da questa breve storia ne derivano, quindi, due cose:
    1 la necessità da parte dei politici di lavorare in gruppo, anche in collaborazione con gente di altre posizioni politiche: se c’è la spiaggia sporca, è sporca per tutti; se abbiamo buche nell’asfalto, gli ammortizzatori rotti li abbiamo tutti…
    2 l’importanza da parte dei cittadini (me inclusa) di essere più presenti  nelle attività del comune: fare proposte, avvicinare i consiglieri, chiedere informazioni. In quanto ‘proprietari’ di una città, il nostro compito non si conclude con l’ “assunzione del personale”.

  4. Alessandro ha detto:

    Alcamo per andare avanti prima di tutto deve cambiare pagina e questo significa allontanare tutta la vecchia classe politica che in questi anni a pensato solo a farsi il proprio e non collettivo interesse!!!lo dico da tanto tempo e nn mi stancherò mai di dirlo(i soliti personaggi) devono andare via dal comune perché sono stati una piaga sociale per tutti gli alcamesi!!per fare crescere Alcamo ci vogliono tante piccole riforme concrete nn indirizzate al singolo ma indirizzate alla collettività …dopo questa prima fase poi si può parlare di politica pulita …ma chi va al comune e nn inizia con questa piccole e coraggiose “riforme” ci sta dicendo perché e voluto salire al municipio (solo per la poltrona ))

  5. Schiavitus ha detto:

    Papania pensa di aver trovato l’uomo giusto per continuare ad esercitare il controllo della Città di Alcamo. Questo dottore Bonventre sarà pure una brava persona ma ad Alcamo, a parte quelli dell’alta borghesia, non lo conosce quasi nessuno. Non era popolare il cuore della nostra amata Alcamo? Infine e a parte, da persona ingenua, mi viene da porre un quesito e cioè: appartenere alla MASSONERIA e avere tessera del PDL, sono trampolino di lancio per la carriera politica anche?

    • educazione ha detto:

      il dott. bonventre, se canidato ne pd o in altre liste, ha gia perso le elezioni.
      rappresenta il passato, teleguidato dall’armata papania-perricone-nuova presenza.
      ha sempre perso, in ogni competizione elettorale a cui ha partecipato.
      ha sempre navigato da destra verso sinistra e viceversa, con una incoerenza politica degna di un vero successore all’imbattuto scilipoti.
      francamente, credo che alcamo meriti molto di più

  6. educazione ha detto:

    se il commento del sig schiavitus, corrispondesse a verità, si preannuncia una campagna elettorale spumeggiante.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>