Truffe all’università: “Tra gli indagati anche due alcamesi”

662

PALERMO – Continua l’inchiesta sull’ipotesi di esami comprati all’Università di Palermo. Secondo i primi risultati dell’inchiesta, pare che una trentina di studenti si sono laureati comprando fino a 15 o 20 esami. Gli studenti in questione, laureatisi tra il 2009 e il 2010, erano iscritti alle facoltà di Economia, Architettura e Giurisprudenza. Secondo le prime dichiarazioni, al centro dell’esamificio fantasma c’era una ex-funzionaria della segreteria di Economia, Paola Adriana Cardella. Tra i tanti ragazzi coinvolti, ci sono anche due Alcamesi che frequentano la Facoltà di Economia.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl rischio mascherato: Carnevale in sicurezza.
Articolo successivoD’Alì (PDL): “paesaggio a rischio con fotovoltaico e eolico”