Frammenti di memoria condivisa. “Muovi Palermo” dedica una serie di mosaici ai caduti nella guerra alla mafia.

Pubblicato: giovedì, 9 febbraio 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

È stato inaugurato lunedì, 6 Febbraio 2012, al polo didattico (viale delle scienze, edificio 19) dell'Ateneo degli Studi di Palermo, il secondo dei mosaici che “Muovi Palermo” dedica ai caduti nella lotta alla mafia. Dedicato a Mario Francese, il giornalista ucciso il 26 Gennaio 1979 che lunedì avrebbe compiuto 86 anni. “Ringraziamo - dicono gli esponenti di “Muovi Palermo” - l'Università degli studi di Palermo che ha subito sposato l'idea di questa istallazione all'interno della Cittadella, Confindustria, grazie alla quale è stato possibile realizzare il pannello. Non smetteremo mai di ringraziare quanti ci sostengono da più di un anno in quest'avventura meravigliosa che è per noi, della sfortunatissima 'generazione 30', il poterci avvicinare alle storie di queste persone meravigliose, uomini e donne, bambini, che hanno perso la vita per amore della verità e dell'onestà, che hanno dato la vita, per il loro estremo senso del dovere, a cui è stata strappata la vita semplicemente perché si sono trovate nel posto sbagliato al momento sbagliato. A tutti loro va il nostro ricordo. Il nostro rispetto. È giusto 'raccontare', spiegare, insegnare questa parte della nostra storia. E' questo il senso completo del nostro progetto. Non solo memoria quindi. Speriamo che gli studenti (e chiunque si troverà a passare di lì) soffermandosi davanti al Mosaico, si porranno delle domande e andranno a cercare le risposte”. Presnti anche il Rettore dell'Università di Palermo, Roberto Lagalla, Giuseppe Todaro di Confindustria Palermo, il generale Teo Luzi, il questore Nicola Zito e i familiari delle vittime raffigurate nel mosaico.

Letto 292 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>