Il maxi-sequestro a Giammarinaro fa esultare molte persone

Pubblicato: mercoledì, 18 maggio 2011
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

In giro tante facce soddisfatte dopo la notizia del maxi sequestro all'ex deputato regionale Giammarinaro. I guai con la giustizia dell'ex deputato iniziarono già tempo fa e fu condannato per peculato e concussione, ma non per l'accusa più pesante, cioé di avere rapporti privileggiati la mafia; questa ultima indagine fa ritornare in auge i sospetti che Giammarinaro abbia avuto a che fare con la mafia, naturalmente fino ad ora si tratta di indagini e non di verità. Se queste accuse saranno vere si mette in evidenza il malaffare che ancora legherebbe la politica corrotta, la sanità e la mafia. Realmente ancora oggi, con le notizie che si hanno, è difficile tirare le somme ed è quindi poco opportuno arrivare a conclusioni. Ma ripensare a vicende del passato fa sempre bene: Giammarinaro è stato tra il 1985 e il 1990 presidente dell'Asl di Mazara del Vallo. Poi eletto all'ARS, ma si diede alla latitanza per sfuggire a due misure cautelari per mafia e associazione a delinquere per reati contro la pubblica amministrazione, emessi di gip di Marsala e Palermo. Costituitosi nel 1996, fu condannato per peculato e concussione e assolto dall'associazione mafiosa. nel 2001 fu esponente provinciale di spicco del partito del Biancofiore. Successivamente, nel 2001 passò all'Udc e per poco non fu eletto a deputato. Ma pur sotto sorveglianza controllava attività economiche nel settore della sanità ottenendo finanziamenti pubblici regionali. Attraverso la complicità con imprenditori, medici, operatori sanitari e dirigenti della Asl di Trapani l'ex deputato riusciva a gestire strutture di assistenza convenzionate con la azienda sanitaria , collegate tra loro da una rete di prestanomi, allo scopo di infiltrarsi nella sanità locale e nella pubblica amministrazione regionale, assicurarsi rimborsi e determinare le nomine di manager e dirigenti sanitari nei vari ospedali. Grazie a questo sistema avrebbe intascato decine di milioni di euro. Utilizzando falsi certificati redatti da medici compiacenti, poi, Giammarinaro avrebbe evitato i vincoli della sorveglianza speciale ottenendo il permesso di allontanarsi dal comune di Salemi e tenere incontri riservati  con esponenti politici locali e imprenditori.

Insomma sembra il colpevole per eccellenza, ma le indagini non si basano su presupposti da libro giallo, quindi meglio aspettare gli sviluppi delle indagini odierne.

Letto 530 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>