Evviva, si campa!!!

Pubblicato: mercoledì, 11 maggio 2011
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Il Governo regionale ha capito tutto! Per far bene alla Sicilia si deve stabilizzare i dirigenti e fare stage a pioggia. Prima di tutto nuove stabilizzazioni nei ruoli di dirigenti e funzionari direttivi tra circa 500 precari ex Arra e della Protezione civile, mentre sta per essere pubblicato in Gazzetta un bando che avvia stage pagati per 1.250 disoccupati, immigrati e soggetti svantaggiati. Le reazioni sono state immediate e anche interne alla maggioranza; Dario Matranga e Marcello Minio del Cobas-Codir: "Diciamo no a stabilizzazioni in fasce elevate se prima non si fanno promozioni interne" E in fine il politico siciliano più pubblicizzato ultimamente, Davide Faraone: "Con l'ennesimo bando che avvia progetti di stage retribuiti, c'è il rischio di nuovo precariato". E le critiche non si fermano qua, infatti sindacati e sindaci criticano la circolare firmata dal governatore, Raffaele Lombardo, per avviare la stabilizzazione dei 22.500 precari negli enti locali. Il sindaco di Alcamo e responsabile Anci, Giacomo Scala, chiederà un incontro con i magistrati della Corte dei conti: "Lombardo con questa circolare scarica tutte le responsabilità sui sindaci, non è nemmeno chiaro se possiamo sforare il patto di stabilità in deroga alla legge Tremonti. Per questo chiediamo un confronto con la Corte dei conti". Tutti questi però non hanno ben presente che queste iniziative del Governo Lombardo sono da ricondurre a politiche di respiro internazionale, cioé strettamente legate a politiche da Conservatori, naturalmente Lombardo ci mette la zampata tutta italiana, cioé iniziativa conservatrice, ovvero impagnata nel riprodurre politiche del passato che non hanno portato a nulla per la collettività.
Letto 233 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>