Bene confiscato da abbattere, l’impresa si tira indietro

Pubblicato: sabato, 22 gennaio 2011
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

BALESTRATE - La ditta aggiudicataria dell'appalto per la demolizione del bene confiscato al boss Luigi Mutari giustifica ufficialmente l'impossibilità a procedere. Tale situazione non ha permesso al Comune di portare a temine l'abbattimento di un manufatto precario, e quindi non di pubblica utilità. E' probabile, come ha dichiarato il sindaco Tonino Palazzolo, che la ditta si sia ritirata a causa dei numerosi attentati mafiosi alle imprese. I giovani di "Fronte Antimafia", dopo aver organizzato manifestazioni antiracket, affermano di essere pronti a prendere in mano martelli e scavatori per demolire l'immobile.

Letto 170 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>