Università: dimezzato il debito. Ma a spese di chi?

Pubblicato: venerdì, 7 gennaio 2011
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0
PALERMO - "Siamo riusciti a evitare l'esercizio provvisorio approvando il bilancio 2011 e il conto previsionale 2011-2013". Questa le parole del  rettore Lagalla che continua affermando: " Abbiamo dimezzato il debito e messo i conti in ordine, avviato una programmazione che guarda al mantenimento delle funzioni essenziali, al miglioramento dei servizi agli studenti e dare impulso alla ricerca, nonostante il ridimensionamento dei trasferimenti ministeriali". Proposte e propositi di tutto rispetto anche se, passeggiando per Viale delle Scienze, praticando i suoi uffici e le sue aule sembra che nulla sia  cambiato. Al più, ciò che desta attenzione è una tettoia appena  installata davanti la porta dell'edificio 2 (segreterie generali), per evitare che la gente che ogni giorno fa la fila possa bagnarsi quando piove.Dal 2013 l'ateneo prevede il ritorno a un saldo contabile per 10 mln di euro. Per il resto, si odono per quelle strade solo e soltanto le lamentele degli studenti che, di anno in anno, di tasse ne vedono sempre di più , mentre di servizi sempre meno. Il rettore continua affermando di aver messo a bando 90 posti di ricercatore e che altri 62 saranno emanati nel 2011 insieme alla stabilizzazione di 99 precari. Cifre che non destano particolare meraviglia visto il gran numero di impiegati all'interno dell'ateneo.
Letto 206 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>